Accesso rapido

Martedì, 19 Febbraio 2019

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Re: Richiesta servizio 30-01-2019, ore 12:23 scritto da Renato
Richiesta servizio 06-01-2019, ore 11:23 scritto da Martina
Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional
K t fai? 19-06-2018, ore 11:43 scritto da post-emoboy
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 17:52 scritto da Luca
13 GIUGNO 13-06-2018, ore 16:00 scritto da CLAUDIA
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus

contenuto

Eventi

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Gioco - Augusto Donati nuovo presidente di Ali

Il direttivo di Ali per giocare (Associazione Italiana Ludobus e Ludoteche), riunitosi a Fumane (VR) il 12 ottobre, ha eletto Augusto Donati, direttore commerciale del Consorzio Parsifal, quale nuovo presidente dell’associazione.
Tra i fondatori e a lungo tempo presidente della cooperativa sociale Finisterrae, Donati ha dedicato nel corso della sua attività educativa e professionale un posto speciale alla pratica ludica e al riconoscimento della sua dignità nell’ambito del lavoro sociale.
Animatore e ludotecario esso stesso, nonostante oggi professionalmente si occupi soprattutto di altro, ha accettato il nuovo incarico con entusiasmo e voglia di fare.

Tre le linee programmatiche, concordate con il direttivo uscente verso il quale il nuovo manterrà un approccio di sostanziale continuità, che dovranno caratterizzare il suo mandato:
1) rafforzare e ampliare la compagine associativa di Ali; 2) dare forma giuridica compiuta all′associazione per poter usufruire di finanziamenti comunitari e statali; 3) riavviare le attività verso l′esterno e le iniziative di scambio tra gli associati.

Augusto, congratulazioni. Il nuovo impegno corona una lunga attività dedicata al gioco e al riconoscimento dell’importanza del suo ruolo.
«Sono onorato di essere il presidente di Ali, una realtà cui debbo molto perché ha contribuito alla mia crescita professionale e non solo. Cercherò di mettere la mia esperienza al servizio dei soci per rappresentare le istanze di chi opera sul territorio con progetti ludici, pedagogici e socioculturali fondati sull’affermazione del diritto al gioco e alla cittadinanza attiva. Ringrazio Massimo Celli, il presidente uscente, e con lui tutto il direttivo (Giovanni Lumini, Viviana Luongo, Paolo Calamita, Simone Perina) per il lavoro svolto in questi anni: va loro riconosciuto il merito di aver portato avanti con passione e dedizione l’associazione fino ad oggi».Quali sono le priorità di Ali?
«Innanzitutto quella di coordinare e facilitare il confronto delle varie esperienze e metodologie di pedagogia ludica e socioculturale attive in Italia. Bisogna, inoltre, fare rete tra le diverse realtà nazionali per favorire la ricerca, la consulenza e lo sviluppo di metodologie per l′animazione ludica e la tutela del diritto al gioco. Importante sarà riuscire ad organizzare incontri, occasioni di formazione e convegni sia a livello nazionale che internazionale sul tema del gioco. Occorre rappresentare le ludoteche e i ludobus italiani a livello nazionale ed internazionale per produrre, raccogliere e divulgare la documentazione relativa all′esperienza dei ludobus e delle ludoteche in Italia ed all′estero. Penso che Ali in questo momento abbia bisogno di allargare la sua base sociale, di coinvolgere nuove realtà territoriali soprattutto al sud d’Italia (ad oggi non abbiamo soci a sud di Napoli), di ridare slancio all’associazione trovando nuove modalità di coinvolgimento alla vita associativa».

Hai avuto modo di verificare lo stato dell’arte del gioco in vari paesi europei; come si colloca lo scenario italiano nei suoi confronti?
«In molti paesi europei i diritti dell’infanzia sono più tutelati di quanto lo siano in Italia; nel 2007 ho partecipato al 36° Congresso Internazionale dei Ludobus in Lussemburgo e ho potuto rendermi conto personalmente di quanto la cultura del gioco nel nord Europa specialmente sia molto più riconosciuta, difesa e diffusa. In Italia soprattutto in questa fase storica i primi servizi a cui vengono tagliati i fondi sono quelli al sociale, e i servizi rivolti all’agio (quindi per esempio le ludoteche e i ludobus) sono i più colpiti».

Perché oggi, in questo periodo di congiuntura economica, si dovrebbero spendere dei soldi per il gioco?
«Perché i bambini di oggi saranno gli adulti di domani e quindi investire sulla loro educazione è fondamentale. E poi perché il sapersi “mettere in gioco” in periodi di crisi economica, culturale, sociale, penso sia l’unico modo che abbiamo per avere speranze compiute di uscirne con nuove proposte e nuove linee di sviluppo».

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...