Accesso rapido

Lunedì, 20 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

Eventi

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Convegno - A Sassari si parla di accreditamento


Presidiare il senso e gli effetti di un sogno, quello del proficuo partenariato tra pubblico e privato sociale, per far sì che non rimanga interrotto: questo l’obiettivo principale del convegno-dibattito di respiro nazionale, intitolato, per l’appunto, “Effetti d’un sogno interrotto”, che avrà luogo il prossimo venerdì 15 aprile a Sassari, in tre sedi nella centrale Via Roma.
Ne è promotore il Consorzio Parsifal - che progetta e realizza anche in Sardegna prestazioni assistenziali di qualità - in collaborazione con Foist – Laboratorio per le politiche sociali e i processi formativi dell’Università di Sassari e con le cooperative sociali Ctr, Altri colori, La luna, Nuova era e Armadilla. Media partners dell’evento saranno la rivista Prospettive Sociali e Sanitarie e nelPaese.it, il primo quotidiano online della cooperazione sociale, edito da Legacoopsociali.

Il contesto che il convegno si propone di analizzare, condividere e discutere in prospettiva futura è quello del passaggio – a quindici anni dall’approvazione della 328/2000, la legge quadro sui servizi sociali – dal modello di welfare state a quello di welfare society, complice la crisi e le minori capacità di spesa del pubblico: in questo quadro rimangono tanti punti in sospeso ed in attesa di più approfondita definizione.

L’accreditamento nell’ambito dei servizi sociali è uno di questi punti: negli ultimi tempi sta prendendo sempre più piede, in Sardegna e nel resto d’Italia, rispetto al sistema delle gare d’appalto, ed è indubbiamente vantaggioso in quanto migliora la qualità dei servizi, instaura un sistema di sussidiarietà tra enti pubblici e privati non profit, restituisce alla domanda dell’utente la giusta centralità.

Passare al sistema dell’accreditamento presuppone, però, una radicale riscrittura della delicata relazione tra pubblica amministrazione, cooperative sociali e cittadini, che permetta di sopperire a un quadro normativo ancora carente e confuso dal punto di vista della definizione del profilo giuridico dell’accreditamento e dei livelli minimi per le prestazioni assistenziali. Tuttavia una soluzione è possibile: presidiare il senso dell’accreditamento vuol dire evitare il pericolo di confondere la relazione, oggetto e materia dei servizi sociali, con un bene di consumo e usare strategicamente questo strumento per migliorare la qualità della vita degli individui e delle comunità.

Appuntamento, dunque, venerdì 15 aprile, dalle ore 9 alle 17.30, presso l’Aula magna dell’Università di Sassari e, nel corso della giornata,  presso la Camera di Commercio di Sassari e il Co-working & Meeting Space, tutti in via Roma a Sassari.

Interverranno in qualità di relatori professori ed esperti di welfare, terzo settore, ricerca sociale e servizi assistenziali: Andrea Vargiu (presidente del corso di studio magistrale in servizio sociale e politiche sociali dell’Università degli Studi di Sassari), Franco Dalla Mura (avvocato amministrativista esperto di welfare e terzo settore), Ugo De Ambrogio (presidente dell’Istituto di ricerche sociali di Milano), Maria Vittoria Casu (presidente del consiglio territoriale di disciplina dell’Ordine degli assistenti sociali della Sardegna), Graziella Saracco (Responsabile del coordinamento dei servizi domiciliari del Comune di Milano), Alessandro Micich (Responsabile commerciale della cooperativa sociale Cadiai di Bologna), Andrea Pianu (Coordinatore Legacoopsociali Sardegna) e Daniele Bruno Del Monaco (presidente del Consorzio Parsifal).

«Questo convegno – ha dichiarato proprio Del Monaco - non è un′iniziativa isolata, ma si iscrive in un contesto di dialogo e di collaborazione con le istituzioni, le cooperative sociali e la comunità sarda. Lo scopo del nostro consorzio è di ideare, insieme alle agenzie del territorio, metodi innovativi per poter offrire servizi socio-sanitari di migliore qualità. Condizione, per riuscirci, è che le questioni siano affrontate con grande consapevolezza. Siamo grati dell′esperienza che stiamo maturando in Sardegna: abbiamo infatti avuto occasione di imparare molte cose qui, attraverso il lavoro e in occasione di eventi simili a questo. Abbiamo perciò pensato di ricambiare, organizzando una giornata di studio, di approfondimento e di scambio, così da porre le basi per costruire la prospettiva di un traguardo comune».


Informazioni e iscrizioni
Consorzio Parsifal
tel: 333.8450402
fax: 0775.835061
email: eventi@consorzioparsifal.it

Documenti
Manifesto [.pdf, 80 Kb]
Programma [.pdf, 240 Kb]
Profili dei relatori [.pdf, 3 Mb]
Modulo di iscrizione [.pdf, 560 Kb]
Modulo di iscrizione [.docx, 280 Kb]

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...