Accesso rapido

Sabato, 22 Settembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Donne – La Carfagna: “Fare figli, un atto eroico”

ragazza al lavoro

 

Mara Carfagna sul problema dell’occupazione femminile e della maternità. Il ministro per le Pari Opportunità ha esposto le linee programmatiche del suo dicastero davanti alle Commissioni affari costituzionali e lavoro di Montecitorio. «Stiamo lavorando – ha detto il ministro - ad una nuova disciplina sulla conciliazione per semplificare e deregolare il mercato del lavoro e per liberare imprese e lavoratori da adempimenti formali, facilitando la flessibilità degli orari» e incentivando lo strumento del part time.

Il ministro Carfagna ha definito la maternità “un atto eroico” per le donne che vogliono lavorare e osserva che «Gli asili nido sono pochi, costano molto, sono concentrati nel centro nord, hanno orari limitati». Una posizione che ci distanzia di molto rispetto agli obiettivi europei che vorrebbero una copertura del 33% dei bimbi tra gli 0 e i 3 anni, con l’Italia ferma al 9,9%.

 

donna al lavoro 

  

«Priorità numero uno della politica economica e sociale del governo diventa dunque supportare il lavoro delle donne che è tra i più bassi in Europa e si concentra nei ruoli meno dirigenziali»

Far lavorare le donne porterebbe “benefici straordinari” anche al Pil che salirebbe del 17%. Il ministro ha poi ricordato le misure a favore dei minori (istituzione del garante nazionale e osservatorio contro la pedofilia e la pedopornografia), e contro la prostituzione anche minorile. Poi grande attenzione alla tutela della salute delle donne, ai temi dell’immigrazione,della disabilità e del contrasto ad ogni forma di discriminazione.

«Abbiamo chiesto di inserire, nel Programma nazionale di riforma 2008-2010 sulla rinnovata Strategia di Lisbona - ha spiegato il ministro Carfagna - un programma organico di semplificazione e deregolazione del lavoro che, senza abbassare il livello di tutela del lavoratore e della lavoratrice, è rivolto a liberare sia l′impresa sia il prestatore d′opera da adempimenti burocratici e formali e a facilitare l′occupazione riducendone i costi indiretti.

Si tratta di un pacchetto di misure che prevede maggiore flessibilità degli orari di lavoro, a partire dal part-time, di un potenziamento dei servizi alla persona, di una politica di sostegno alla famiglia in una logica di sussidiarietà e di integrazione delle politiche pubbliche di sicurezza sociale in raccordo con il sistema privato e del terzo settore».

 

C. I.


Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...