Accesso rapido

Giovedì, 23 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Turismo sociale - Siena una città a misura di tutti

mani_chesfioranolacqua_trattadaflickr_diconfusedvision.jpg

 

Il progetto è iniziato nel 2005, quando un gruppo di giovani volontari della Pubblica Assistenza di Siena organizzò, con l’aiuto del Comune, una serie di escursioni per giovani down. Queste escursioni ottennero un apprezzamento superiore alle previsioni e convinsero gli organizzatori ad esportare il modello con un manuale di «buone prassi», che è stato presentato dall’Assessorato al Turismo del Comune di Siena e poi spedito alle associazioni che riuniscono le famiglie dei disabili cognitivi o che si occupano di loro. Infatti l’aiuto alle famiglie dei down o di chi ha gravi difficoltà cognitive passa anche attraverso l’offerta di escursioni uguali a quelle che fanno le altre famiglie.

Oggi, finalmente, i turisti con difficoltà cognitive avranno un’accoglienza particolarmente attenta e partecipata. L’obiettivo è quello di offrire, ai diversamente abili, l’opportunità di visite divertenti e didattiche ma, soprattutto, una struttura di incoming, in grado di organizzare il loro soggiorno con le famiglie. In particolare,  la nuova proposta turistica si è concretizzata con la presentazione di 3 dèpliant corrispondenti ai tre Terzi della città.

Nei tre itinerari, alcune informazioni storiche e artistiche sono intercalate da molte esperienze sensoriali: ascoltare le campane, toccare l’acqua di una fontana di Contrada, annusare le foglie di una pianta nell’orto medioevale… Quasi un gioco che nasconde dentro di sé un percorso didattico di autonomia costruito a misura sui bisogni del turista.

 M.S.


Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...