Accesso rapido

Giovedì, 15 Novembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lazio – La Regione contro la violenza sulle donne

donne_violenza_390.jpg

L’Aula della Pisana ha approvato, a maggioranza, la proposta di legge “Norme per il sostegno di azioni di prevenzione e contrasto alla violenza alle donne”, prima firmataria Wanda Ciaraldi (Popolari per Marrazzo-Pd). In particolare, si prevede lo stanziamento di 300 mila euro per interventi volti a prevenire e contrastare ogni forma di violenza, morale, fisica e psichica, di natura sessuale nei confronti delle donne. Potranno essere finanziate attività di potenziamento della sicurezza di giardini, parchi e luoghi a rischio attraverso sistemi di videosorveglianza, telesoccorso, illuminazione e impiego di nuove tecnologie di controllo del territorio. Inoltre, contributi potranno essere concessi per attività di carattere educativo-sociale, volte a promuovere la sensibilizzazione sul tema della violenza sessuale, oltre che ad attività formative (rivolte anche a docenti e genitori) finalizzate alla prevenzione di ogni forma di violenza. Prevista, infine, la concessione di fondi per interventi di sostegno a strutture e aziende sanitarie per la creazione e implementazione di centri di aiuto alle donne.

I progetti potranno essere presentati dai Comuni, singoli o associati, e dai Municipi del Comune di Roma, con priorità per quelli relativi ad aree di particolare degrado sociale in cui risulti elevato il rischio di reati di natura sessuale. Per lo svolgimento di attività educative potranno beneficiare dei finanziamenti la Consulta regionale femminile, associazioni, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali e istituti scolastici di ogni ordine e grado.


Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...