Accesso rapido

Domenica, 19 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Disabili - Le associazioni pronte ad abbandonare l′Osservatorio per l′integrazione

Le associazioni di disabili pronte ad abbandonare l′Osservatorio per l′integrazione: «il Ministro ci snobba». La decisione ultima spetta ai direttivi di Fish e Fand, che si riuniranno il prossimo 10 novembre. Ma per Salvatore Nocera il condizionale è quasi superfluo: «Noi siamo convinti di uscire da una Consulta che ormai è solo una scatola vuota».
La Consulta in questione è la Consulta Ministeriale dell’Osservatorio sull’Integrazione Scolastica: convocata per mercoledì 4 novembre, con un ordine del giorno pieno di problemi. L’avvio dell’anno scolastico, infatti, ha riservato bruttissime sorprese agli alunni con disabilità e alle loro famiglie: classi sovraffollate, con anche 30 ragazzi e 4/5 alunni con handicap certificato (si veda la documentazione prodotta dalla Regione Campania); tagli degli insegnanti di sostegno, anche in regioni come Lombardia, Lazio e Marche che avevano invece un rapporto docenti di sostegno/alunni disabili ben inferiore a quell’1 ogni 2 previsto dalla legge; mancanza di formzione obbligatoria per gli insegnanti curriculari; aumento esponenziale delle attività di laboratorio, «che altro non è se non un bel modo per dire che gli alunni disabili vengono tolti dal gruppo-classe, ricreando di fatto una classe differenziale, con buona pace dell’integrazione scolastica», dice Nocera.
Bene, quell’appuntamento tanto atteso, è stato disertato dal ministro Mariastella Gelmini, che non ha inviato nemmeno un sottosegretario. «È la prima volta che accade», dice Nocera, che dell’Osservatorio – prima come tecnico ministeriale poi come rappresentante delle associazioni – fa parte dalla sua istituzione, nel 1989: «Questo Ministro non l’abbiamo mai incontrato, né lui né i suoi sottosegretari. Ci ha sempre elegantemente snobbato». Il capitolo integrazione scolastica cioè la Gelmini lo ha sempre delegato solo ai suoi dirigenti ministeriali, che però anche questa volta dinanzi ai problemi sollevati dalle associazioni hanno ripetuto un sostanziale «scusate tanto, ma non possiamo rispondere nulla, le decisioni politiche non le possiamo prendere noi». Dall’alto dei suoi quarant’anni di esperienza Nocera si dice molto preoccupato: «ancora un anno così, e l’integrazione scolastica, fiore all’occhiello della scuola italiana, se ne andrà in soffitta».

Le richieste delle associazioni rappresentate da Fish e Fand sono sostanzialmente tre: ripristinare il decreto ministeriale del 1999 che fissa il tetto massimo degli alunni con disabilità presenti in una classe (2 se la classe ha fino a 20 alunni, 1 se ne ha fino a 25); rispettare il DPR 81/09 che fissa a 20, massimo 22 di norma il numero degli alunni per classe; bloccare immediatamente tutte le pratiche che attuano classi differenziali di fatto. «Insomma, su tante cose si può trattare, il punto è che questo Osservatorio da quando c’è questo ministro non funziona per niente, c’è il disinteresse più assoluto dietro il paravento del patto di stabilità», conclude Nocera.

Fonte: Vita.it

M.S.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...