Accesso rapido

Lunedì, 23 Luglio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Orvieto – Cooperative con l′acqua alla gola

Coordinata dal Presidente del Consiglio Comunale, Marco Frizza, si è svolta lo scorso venerdì l′audizione della I^ Commissione consiliare permanente/Conferenza dei capigruppo con i rappresentanti delle Cooperative Sociali che effettuano servizi in convenzione per conto del Comune di Orvieto, rappresentate da Andrea Massino, ARCST Umbria e presidente della cooperativa "Il Quadrifoglio" e da Vladimiro Zaffini, presidente regionale del sindacato della cooperazione sociale. Presenti il Segretario generale, Claudio Pollini e il dirigente del settore Servizi Sociali del Comune, Carlo Carpinelli.

Andrea Massino ha spiegato che «le cooperative sociali hanno scelto di sensibilizzare i soggetti istituzionali rispetto al problema nazionale che riguarda i servizi resi dalla cooperazione sociale alle Pubbliche Amministrazione». Poi riferendo della situazione provinciale ha detto che «in provincia di Terni, dove circa 2000 persone sono impegnate nelle cooperative sociali di tipo A, c′è una situazione problematica che va avanti da diversi anni, ripercuotendosi in modo molto pesante sul sistema delle cooperative sociali». In particolare, i gravi ritardi dei pagamenti da parte del comune e la mancata applicazione del nuovo tariffario regionale hanno messo in ginocchio il settore della cooperazione della città e della provincia. Il debito accumulato ammonta a circa 4 milioni di euro.
Il settore è in apnea e ritardi di questo tipo non sono più accettabili, per questo ci si aspetta un immediato piano di rientro e un programma di largo respiro per il futuro.

M.S.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...