Accesso rapido

Mercoledì, 20 Giugno 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Scuola - Legacoopsociali denuncia: lavoratori penalizzati nei servizi di pulizia



Molte le cooperative sociali di inserimento lavorativo che si occupano da anni di gestire appalti per servizi diversi nelle scuole (pulizie, mensa, sorveglianza e altro) di tutto il Paese e che rendono possibile il lavoro per molte persone svantaggiate. Quest′attività verrà messa fortemente in discussione dagli effetti che provocherà la circolare del 14 dicembre 2009 del Ministero dell′Istruzione, dell′Università e della Ricerca scientifica contenente «indicazioni riepilogative per il Programma annuale delle istituzioni scolastiche per l′anno 2010». Tale circolare prevede per i servizi di pulizia ed altre attività ausiliarie nelle scuola (nella fattispecie infanzia e primaria) la conferma dei contratti «nella misura
massima del 75% del corrispettivo pattuito» con un taglio effettivo del budget del 25%, giustificando la drastica riduzione di fondi con la necessità di coprire spese  per «supplenze, funzionamento ed esami di Stato». Il riferimento normativo adottato è all′art. 11 del regio decreto 2440/1923, secondo cui «qualora nel corso di esecuzione del contratto occorra una diminuzione della prestazione, l′appaltatore è obbligato ad assoggettarsi nella misura massima del 20%. Oltre detta percentuale l′appaltatore, laddove non si avvalga della risoluzione del contratto, è obbligato ad assoggettarsi all′ulteriore riduzione». «Chiediamo - dichiara Paola Menetti - presidente nazionale di Legacoopsociali, un confronto urgente al Ministro del Lavoro e del Welfare ed al Ministro
dell’Istruzione, Ricerca e Università
, per comprendere quali iniziative
si possano e si intendano assumere a tutela della realtà di queste imprese e di questi lavoratori, al fine che le pur comprensibili esigenze di razionalizzazione ed efficienza nella spesa pubblica non siano, nei fatti, un prezzo che viene semplicemente scaricato sulle spalle dei più deboli».

fonte: Vita

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...