Accesso rapido

Venerdì, 17 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Istat - Due milioni di disoccupati, ma siamo ottimisti!

01.02.2010 | immagine decorativa 1 | Invia ad un amico | Stampa


Grandi difficoltà per un′Italia in continuo peggioramento. I dati dell′Istat non delineano una situazione così florida: la disoccupazione è salita all′ 8,5%: dal 2004 è il dato peggiore.
Sono in 2 milioni 138 mila a cercare lavoro; il tasso di disoccupazione è cresciuto di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e del 1,5% rispetto a dicembre 2008.

Nonostante i numerosi ostacoli quotidiani, però, le famiglie italiane sembrano ottimiste: cresce la speranza e la fiducia di un futuro migliore.
Dal rapporto Italia 2010 dell′Eurispes, la percentuale degli ottimisti, dal 2008 ad oggi è aumentata: è il 18,3% (rispetto al 10,9% di due anni fa).
E′ il 37% degli italiani a pensare che la situazione economica italiana resterà sostanzialmente invariata, mentre la percentuale di coloro che prevedono ulteriori peggioramenti, elevata tra gli elettori di sinistra (49,4%) e di quelli che non si sentono rappresentati politicamente (45,3%), si abbassa notevolmente tra i cittadini politicamente orientati al centro (24,6%), centro-destra (25,4%) e destra (25,8%). Le previsioni ottimistiche hanno una percentuale più alta prevalentemente tra gli elettori di centro-destra (29,6%).

Nonostante l′ottimismo, il 48,4% del campione confessa che ha delle difficoltà a far quadrare il bilancio familiare: un dato preoccupante, ma che, nonostante tutto, è in calo del 5% rispetto al 2009 (raggiungeva quota 53,4%).
Il dato di coloro che non denunciano tale condizione rimane invariato al 45% circa.

Il mercato dell′usato potrebbe essere una soluzione per risparmiare, ma gli italiani sembrano essere più selettivi: nonostante preferiscano ridurre il superfluo, acquistano prodotti usati ′soltanto′ nel 18,3% dei casi.
E′ maggiormente diffusa, invece, la riduzione delle spese per i pasti fuori casa: il 75,5% dei residenti del Sud e il 75,3% del Centro Italia sostengono di aver rinunciato a pranzi e cene nei ristoranti.
Scende di molto la percentuale nelle Isole (27,5%), al Nord-Ovest (25,7%) e al Nord-Est (25,1%).
E′ proprio il settore alimentare quello più colpito dall′aumento dei prezzi: l′88,9% sostiene ci sia stato un aumento. Aumenti significativi riguardano anche il carburante per le auto (86,3%), i pasti e delle consumazioni fuori casa (76,3%), l′abbigliamento e le calzature (74,9%) e i trasporti (74,9%). Seguono le spese per la salute (74,3%), e quelle per la cura della persona (69,1%).

Per quanto riguarda in generale l′andamento dei prezzi, il 56,8% degli italiani interpellati ritiene che nel corso del 2009 siano aumentati. Tuttavia il dato è diminuzione rispetto alla rilevazione dello scorso anno (si attestava all′83,4%).

Documenti
Occupati e disoccupati: stime provvisorie .pdf [121 Kb]

Tag associati

Commenti

futuro migliore
scritto da Marco Caprini - 17.02.2010
... cresce la speranza e la fiducia di un futuro migliore nelle famiglie perchè tutti o quasi pensano di aver toccato il fondo... e invece al peggio non c′è mai fine, il piano terra è ancora lontano!!!

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...