Accesso rapido

Giovedì, 23 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Marche - Cooperative con più servizi e meno appalti



Il 2 e 3 febbraio scorsi si è tenuto un seminario organizzato dal “Consorzio per l’alta formazione e lo sviluppo della ricerca scientifica in diritto amministrativo” di Osimo in collaborazione con l′assessorato alle politiche sociali della regione Marche.
Il tema affrontato con maggior cura è stato quello degli affidamenti dei servizi alle cooperative sociali: secondo le intenzioni regionali l′appalto non dovrà più rappresentare l′unica occasione possibile per affidare i servizi alle cooperative sociali.
A tal proposito si sta lavorando per consentire l′accesso a modalità diverse come quella della concessione di pubblico servizio, dell’accreditamento e degli accordi procedimentali.
Le intenzioni regionali al riguardo sono state espresse, durante il seminario, dal dott. Giovanni Santarelli, Dirigente regionale responsabile dei rapporto con l’associazionismo e il terzo settore: i percorsi di lavoro che la regione Marche sta progettando "vedranno la modifica di atti relativi alle modalità di esternalizzazione affiancando a strumenti di diritto privato quali il convenzionamento diretto, le clausole sociali, le procedure di gara aperte e riservate anche strumenti di diritto pubblico quali la concessione, gli accordi procedimentali e l’accreditamento istituzionale".
La necessità di avviare le procedure per l′istituzione di una nuova normativa regionale in merito è stata ulteriormente ribadita, proprio a favore di un sistema assistenziale la cui attuale regolamentazione risale ancora al 1988.
È questa la revisione di una legge che permetterà allo cooperative sociali di ampliare il loro raggio d′azione e, così, di aumentare le possibilità di lavoro.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...