Accesso rapido

Domenica, 19 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Invalidità - Fish e Fand in piazza contro la manovra

Fish (Federazione italiana per il superamento dell′handicap) e Fand (Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità) hanno raggiunto un′intesa "storica" definendo gli obiettivi di una manifestazione immanente prevista per il 1° luglio. Una risposta comune alla manovra varata dal governo e che, in modo particolare con l′innalzamento dal 74 all′85% della percentuale necessaria per ottenere la pensione, è giudicata negativamente dalle associazioni. Ma oltre alle "comuni negative considerazioni rispetto ai contenuti e alla logica della manovra correttiva", Fand e Fish segnalano anche "l′unanime preoccupazione per lo stigma che una campagna mediatica ha subdolamente diffuso nel Paese, equiparando brutalmente i "falsi invalidi" alla persone con reali e drammatici problemi di disabilità". Ma oltre all′obiettivo di abrogare la disposizione che innalza la percentuale d′invalidità (da 74 a 85), le due associazioni entrano anche nel merito del piano di verifiche proponendo soluzioni concrete per aumentarne l’efficacia e suggerendo l’adozione di misure antielusive sulle agevolazioni fiscali riservate ai veri invalidi.

Comuni a Fand e Fish sono il rammarico e la delusione nel rilevare che l′attenzione politica al mondo della disabilità è limitata al contenimento della spesa pubblica, e non piuttosto al consolidamento delle politiche sociali. In più con l′innalzamento della percentuale, rivelano le associazioni, lo Stato taglia un contributo di 256 euro circa per ogni disabile, una misura che viene descritta come "del tutto ininfluente per il contenimento della spesa pubblica" (la cifra è di 30 milioni di euro di risparmio) e che "colpisce i veri invalidi, privi di reddito e disoccupati".

Prima di giovedì 1 luglio, ci sarà un incontro il 21 giugno, una sorta di "prova generale" in occasione dell′appuntamento organizzato dall′Aisla (Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica) per chiedere l′approvazione - attesa da due anni - dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) e l′aggiornamento del Nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili.

                                                                                                                       M.B.

Fonti: Vita.it; SuperAbile

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...