Accesso rapido

Venerdì, 19 Ottobre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Roma - La risposta delle cooperative alle accuse di Alemanno

A seguito della denuncia del Corriere della Sera sullo stato di degrado di alcune aree verdi della capitale, tra cui Villa Borghese, il sindaco di Roma, durante il sopralluogo aveva affermato che causa dell’incuria, soprattutto per questa zona, era la “scarsa presenza delle cooperative sociali che pulivano questo parco”.

In risposta al Sindaco Alemanno, le cooperative accusate hanno scritto una lettera con la speranza che, come le accuse del sindaco, anche le loro ragioni possano trovare spazio sui giornali e mettere fine a una lotta impari. Le accuse del primo cittadino hanno ferito gli operatori delle cooperative interessate, per il serio lavoro che ogni giorno compiono, un′azione che da "contratto" deve essere mirata alla cura del verde orizzontale, quindi taglio dell′erba e cura dei cespugli. Il resto è responsabilità di aziende private. "Ancora una volta veniamo da Lei ingiustamente posti sul banco degli imputati e profondamente offesi nella nostra professionalità", scrivono nella lettera e proseguono rimarcando il valore aggiunto che ha una cooperativa sociale: "ogni giorno a Roma ci sono detenuti che escono dal carcere di Rebibbia, tossicodipendenti seguiti dai Sert, disagiati mentali segnalati dai D.S.M., disabili fisici (Soci-lavoratori delle cooperative sociali.)  che vanno a tagliare l’erba, a pulire i prati, a potare le aiuole dando il meglio di se stessi per rendere il verde dei romani vivibile ed accessibile. E lo fanno secondo i canoni delle imprese “normali”: qualità del servizio e congruità economica". Per concludere le cooperative passano la palla a chi ha potere, fiduciosi che possa essere l′ultima volta che viene messa in dubbio la serietà dei loro servizi : "Lei potrà pure cambiare le modalità di manutenzione del verde pubblico di Roma, è un Suo insindacabile diritto che nessuno contesta, ma ciò non può essere conseguenza della presunta carenza lavorativa delle cooperative sociali perché tale motivazione è assolutamente non vera!"

                                                                                                                     M.B.

Fonte: Legacoop

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...