Accesso rapido

Lunedì, 20 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Sicilia - Proteste contro i ritardi nei pagamenti



Un presidio permanente, dal 28 luglio, davanti la sede della Regione Sicilia, per protestare contro i ritardi nei pagamenti per quanto riguarda i servizi erogati da parte degli enti locali. A protestare le cooperative sociali e Confcooperative Agrigento. Una situazione drammatica da sbloccare: 19 mesi di ritardi nei pagamenti. Il problema è ora quello della continuità nella gestione dei servizi, dal momento che non c′è possibilità economica per garantire alloggio, vitto, energia elettrica, spese sanitarie, scolastiche ed altro agli utenti fruitori degli stessi.
Una garanzia in meno però, anche per i tanti lavoratori. Niente più servizi per i giovani delle Comunità Alloggio, per mancanza di liquidità: mancanza di beni di prima necessità e insorgenza di disservizi, con annessi scioperi da parte degli operatori indignati. Il presidio vuole portare ad una soluzione, ad un chiarimento e a un incontro con gli Assessori alle Autonomie Locali, Chinnici e Leanza. Molti anche gli atti di violenza da parte degli utenti ai dirigenti di alcune cooperative. L′obiettivo è anche evitare inutili violente soluzioni.

Fonte: Canicattiviweb, Federazione Sanità/Confcooperative

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...