Accesso rapido

Lunedì, 20 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Welfare - Coop sociali e Regione Marche a confronto



L′assessore regionale marchigiano Luca Marconi e le Centrali cooperative Agci Marche, Confcooperative Marche, Legacoop Marche, hanno dato il via, in sinergia, a un duro lavoro che vuole portare alla riorganizzazione del welfare marchigiano.
Ad Ancona, nella sede della Regione, i rappresentanti delle 200 cooperative sociali hanno presentato all′assessore una serie di proposte su come migliorare il welfare.
Le proposte sono state formulate anche alla alla luce della modifica del Piano socio-sanitario regionale 2010-2012.
Le cooperative sociali marchigiane erogano servizi a 75mila cittadini: con 7.500 addetti e con un fatturato complessivo di 190 milioni di euro (nel 2009), rappresentano la spina dorsale del sistema assistenziale delle Marche.
Nonostante questo, è forte la preoccupazione per la manovra finanziaria nazionale: i tagli previsti metterebbero a rischio il sistema dei servizi sociali.
Le coop hanno dichiarato, infatti di non essere disposte a fare passi indietro e hanno chiesto alla Regione di continuare ad applicare con fermezza quanto previsto nella legge 328 del 2000.
Tra le proposte avanzate all′assessore Marconi, le cooperative sociali hanno chiesto di poter utilizzare «il metodo della concertazione come azione diffusa di responsabilità tra pubblico e privato sociale» e «il rispetto dei contratti collettivi contro la concorrenza sleale. I comuni e i sindacati dovrebbero essere uniti alla battaglia che facciamo contro chi applica contratti capestro con il 10-30% in meno in busta paga allo scopo di aggiudicarsi appalti con ribassi anomali che si scaricano sempre sul costo del lavoro».
La richiesta delle Centrali di aprire, con la Regione, un tavolo permanente di concertazione, nasce proprio dal desiderio di mettere mano alla normativa sugli appalti dei servizi socio-sanitari e poter definire annualmente il tariffario regionale, strumento essenziale per il riconoscimento del contratto collettivo nazionale della cooperazione sociale.

Fonte: Viverecivitanova

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...