Accesso rapido

Giovedì, 15 Novembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Noi Italia (6) - L’Italia, la spesa e il sociale



Nel rapporto “Noi Italia”, presentato dall’Istat, un focus particolare è dedicato alla protezione sociale.
Lo stivale spende per la protezione sociale (articolata nelle tre aree di intervento della previdenza, della sanità e dell’assistenza) quasi il 30 % del Pil e il suo ammontare per abitante, al 2009, supera i 7.500 euro annui: dati che, confrontati con il resto d’Europa, collocano l’Italia al di sopra della media.
La spesa per le prestazioni, che rappresenta il 95,4 % della spesa complessiva di protezione sociale, stando ai dati del 2009, è dedicata per oltre la metà alla cura della vecchiaia, mentre il resto viene ripartito tra “malattia/sanità”, “superstiti”, “invalidità”, “famiglia”, “disoccupazione e altra “esclusione sociale”.
A livello locale i comuni erogano una parte importante di spesa per l′assistenza sociale: in valore assoluto la spesa sociale dei comuni ammonta a 6,6 miliardi di euro, con un valore medio per abitante pari a 110,7 euro (anno 2008).
Fra i destinatari dell’assistenza ci sono innanzitutto le famiglie con figli (40% della spesa complessiva); seguono anziani e disabili (entrambi con il 21% della spesa).
Il 7,6 % della spesa sociale comunale viene assorbito dalle politiche di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Il 6,3 %, invece, è relativo ad attività generali. Le restanti quote fanno riferimento alle aree di utenza “immigrati e nomadi” e “dipendenze”.
Per quanto riguarda le prestazioni sociali, invece, la spesa  corrisponde a un importo pro capite di 4.544 euro (dati Istat anno 2008), pari al 17,3 % del Pil ed è nell’Italia del Nord che si concentra la quota maggiore sia della spesa per prestazioni sociali, sia delle entrate contributive.
Il settore della previdenza rappresenta il 92,6 % delle uscite, seguito assistenza e sanità.
Per quanto riguarda le pensioni, invece, nel 2008 ne sono state erogate complessivamente 23,8 milioni: il 15,4% del Pil.
Dai dati Istat è emerso che le prestazioni pensionistiche per invalidità, vecchiaia e superstiti rappresentano il 78,3% del numero delle pensioni e il 90,1 % della spesa, seguite da quelle assistenziali e quelle indennitarie.
Affrontando il tema degli asili nido, invece, è emerso che i comuni che offrono servizio di asilo nido sono in aumento ma, nel 2008, sono ancora fermi a poco più del 40%: nel Mezzogiorno, infatti, molte regioni ancora non sono in grado di offrire questo servizio, tale da permettere un equilibrio tra gli impegni lavorativi e casalinghi e facilitare l’entrata delle donne nel mondo del lavoro.
Nonostante tutto, nel 2008, il 51% dei comuni italiani ha attivato almeno un servizio tra asili nido, micronidi o altri servizi integrativi/innovativi per l′infanzia (il 12,6 % in più rispetto al 2004): insomma, l’offerta si è ampliata, ma è ancora limitata rispetto al potenziale bacino di utenza.
La percentuale di bambini in età 0-2 anni che fruisce di servizi per l′infanzia è pari al 12,7%.
Negli ultimi anni i provvedimenti normativi sono stati finalizzati ad ampliare l’offerta esistente su tutto il territorio nazionale, ma il divario regionale risulta comunque molto ampio: in Valle d′Aosta il 28,4% dei bambini fino a 36 mesi fruisce del servizio, percentuale che si trova in netta opposizione con il 2,7% della Calabria.

Miriam Minnucci

Documenti
Spesa per la protezione sociale nei paesi Ue (per abitante) .pdf [84,4 Kb]
Spesa per la protezione sociale nei paesi Ue (in percentuale del Pil) .pdf [84,4 Kb]
Spesa per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati per regione  .pdf [83,4 Kb]
Spesa per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati per area di utenza e regione .pdf [33,3 Kb]
 Spesa per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati per regione  .pdf [80,3 Kb]
Prestazioni sociali erogate dagli enti di previdenza per regione .pdf [65,8 Kb]
Prestazioni e contributi degli enti di previdenza per funzione e regione .pdf [31,3 Kb]
Indice di copertura previdenziale per regione .pdf [80 Kb]
Indice di beneficio relativo per regione  .pdf [65,6 Kb]
Pensioni e relativo importo annuo per tipo e regione .pdf [42 Kb]
Tasso di pensionamento per regione .pdf [80,9 Kb]
Comuni che hanno attivato servizi per l′infanzia per regione .pdf [114,1 Kb]
Comuni che hanno attivato servizi per l’infanzia per tipologia e ripartizione .pdf [81,7 Kb]
Comuni che hanno attivato il servizio di asilo nido per regione .pdf [159,7 Kb]
Comuni che hanno attivato servizi integrativi/innovativi per l’infanzia per regione .pdf [161,7 Kb]
Bambini di 0-2 anni che utilizzano servizi per l’infanzia per regione .pdf [128,7 Kb]
Bambini di 0-2 anni che utilizzano servizi per l’infanzia per tipologia e ripartizione geografica .pdf [79,7 Kb]
Bambini di 0-2 anni che utilizzano il servizio di asilo nido per regione .pdf [115,4 Kb]
Bambini di 0-2 anni che utilizzano servizi integrativi/innovativi per l’infanzia per regione .pdf [160,3 Kb]

Notizie correlate
Noi Italia (5) - Diffusa la povertà, soprattutto al Sud [21.02.2011]
Noi Italia (4) - La spesa sanitaria: tra stato e famiglia [18.02.2011]
Noi Italia (3) - Abbandono scolastico: ancora lontani gli obiettivi europei [16.02.2011]
Noi Italia (2) - Gli stranieri "all′italiana" [14.02.2011]
Noi Italia (1) - Italia un po′ più giovane grazie agli immigrati [01.02.2011]
Istat - "Noi Italia 2011": il Belpaese è in difficoltà [27.01.2011]

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...