Accesso rapido

Sabato, 15 Dicembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional
K t fai? 19-06-2018, ore 11:43 scritto da post-emoboy
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 17:52 scritto da Luca
13 GIUGNO 13-06-2018, ore 16:00 scritto da CLAUDIA
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Troppo comodo 28-05-2018, ore 20:17 scritto da Angelo
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Sociale – Le associazioni lanciano un appello al Senato


Alcune associazioni, tra cui Legacoopsociali, Anpas, Arci, Auser, Cgil, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Fish, Uil, Uisp, lanciano un appello al Senato per chiedere delle riforme a favore del sociale. L’assistenza alle fasce più deboli sta diventando sempre più problematica a causa dei continui tagli al sociale, meno il 92% in cinque anni. L’appello era stato già lanciato con la manifestazione “Cresce il welfare, cresce l’Italia, del 31 ottobre in piazza Montecitorio: infatti non si può pensare ad una crescita del paese senza un sostegno concreto al welfare.
Secondo le associazioni le misure adottate fino a questo momento sono del tutto insufficienti: l’aumento della disponibilità finanziaria per il fondo della non autosufficienza non basta a coprire le esigenze delle altre fasce più deboli (disabili, anziani, migranti, disoccupati). Occorrerebbero ulteriori provvedimenti come la definizione dei livelli essenziali di assistenza e il piano per la non autosufficienza. Altra fondamentale mossa sarebbe eliminare alcuni dei provvedimenti previsti nella legge di stabilità: come il taglio lineare della sanità del 10% e la riduzione degli oneri per i contratti di prestazione dei servizi, che inevitabilmente porteranno a una diminuzione dei servizi per i cittadini, soprattutto le fasce più deboli.

M.R.
Informazioni
web. Legacoopsociali

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...