Accesso rapido

Domenica, 19 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Scuola – Proposta: non più di due alunni disabili in ogni prima classe


Dal 21 gennaio al 28 febbraio 2013 si apre il nuovo ciclo di iscrizioni per l’anno scolastico 2013/2014. In questo contesto il vicepresidente nazionale del Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap) e responsabile del settore legale dell’osservatorio scolastico dell’Aipd (Associazione italiana persone down), Salvatore Nocera – anche su richiesta delle famiglie – avanza una proposta: in caso di eccedenza di iscrizioni di alunni con disabilità alla prima classe delle scuole di ogni ordine e grado, che venga deliberato dai consigli di istituto il criterio secondo cui in ogni prima classe non vi possano essere più di due alunni disabili.
Contemporaneamente però, facendo riferimento alla circolare 96/2012, la proposta chiede che vengano fissati i criteri per la priorità di iscrizione tra i richiedenti, in modo da garantire comunque a quanti seguono i primi due in graduatoria la possibilità di iscrizione in scuole vicine. Nel caso di scuole del secondo ciclo possono essere scelti anche i licei.
La normativa attuale, infatti, consente che si possano frequentare percorsi misti di istruzione e formazione professionale che offrono agli alunni disabili l′opportunità di attività pratiche, come avviene normalmente nei professionali e per questo preferiti dalle famiglie. Ciò crea in essi un′elevata presenza di alunni disabili nella stessa classe, cosa che nuocerebbe a un′integrazione di qualità.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...