Accesso rapido

Lunedì, 20 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Iva – Con l’aumento a rischio 40 mila posti di lavoro

11.07.2013 | immagine decorativa 1 | Invia ad un amico | Stampa

Il portavoce dell’Alleanza delle cooperative, Giuseppe Guerini, ha inviato una lettera al nuovo presedente dell’Anci, Piero Fassino, per «Fare fronte comune contro l’aumento dell’Iva, dal 4% al 10%, sui servizi socio sanitari ed educativi, resi da cooperative sociali e loro consorzi a persone svantaggiate». L’Alleanza delle cooperative continua a far sentire la propria voce per scongiurare l’aumento dell’Iva, previsto nella legge di stabilità che sarà votata ad ottobre.
«L’aumento Iva dal 4% al 10% su prestazioni socio sanitarie – ha scritto Guerini - è un provvedimento da disastro annunciato: 500.000 persone senza servizi, 40.000 senza lavoro. Comuni e cooperative sociali facciano blocco insieme. In queste settimane si discute molto e, giustamente, di evitare l’aumento dell’Iva dal 21% al 22%, - ha proseguito il portavoce - ma nessuno si sta adoperando per sventare quanto è stato previsto, con molta superficialità, dalla legge di stabilità 2013 che lascerà senza servizi oltre 500.000 cittadini (anziani, persone svantaggiate, minori) e senza lavoro oltre 40.000 persone. Il paradosso, infatti – evidenzia Guerini – è che non vi sarà alcun recupero di gettito dal momento che l’Iva la verseranno i comuni che si vedranno costretti a ridurre del 6% le prestazioni di welfare territoriale oggi garantite. Risultato di questa cervellotica operazione di tecnocrazia contabile sarà che nel 2014, con le medesime risorse, i comuni forniranno meno servizi sociali alle fasce più deboli della popolazione. Quello dell’aumento dell’Iva è un disastro annunciato. Cooperative sociali e comuni – ha concluso il portavoce – sono in prima linea nel fronteggiare le ricadute della crisi sui cittadini e nel garantire il welfare territoriale e i livelli essenziali di assistenza. Sono in prima linea anche sul problema dell’Iva. Problema da risolvere».
L’obiettivo della lettera è, quindi, di unire le forze delle cooperative sociali con quelle dei comuni per evitare l’aumento dell’Iva con le sue disastrose conseguenze sul piano occupazionale e dal punto di vista dell’accessibilità dei servizi.

Tag associati

Commenti

Stasera su Rai News
scritto da Renato - 16.07.2013
Questa sera alle 23 su Rai News 24 si parlerà di cooperative sociali e della minaccia rappresentata dall′aumento dell′Iva sui servizi sociali

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...