Accesso rapido

Domenica, 22 Luglio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Confcooperative – Bene provvedimento su Imu, ora pensiamo all’Iva


«Bene il governo Letta sui primi interventi. Fatto il provvedimento su Imu ora pensiamo a sviluppo e occupazione».
Così commenta il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini (in foto), intervenuto ad Agorà estate su Rai tre in merito al lavoro fatto fino ad ora dal governo Letta.

Secondo il presidente di Confcooperative «occorre uno scatto da parte del governo perché per imprese e famiglie si concretizzi il profumo di ripresa che si comincia ad avvertire, ma che l’Italia non ha ancora agganciato come hanno fatto altri paesi. Altra parola chiave è la stabilità - prosegue Gardini -, una crisi di governo e un ritorno al voto sarebbe drammatico per il Paese e le nostre imprese che stentano a uscire dalla crisi».

Riguardo il nodo Iva che ancora non sembra essersi sciolto Gardini ha tenuto a sottolineare il «grave effetto deprimente con l’aumento su consumi dal 21% al 22% che peserebbe per oltre 100 euro sulle tasche delle famiglie.Voglio, però, denunciare un aumento ancora più subdolo dell’Iva, quello sul welfare che da gennaio 2014 passerà dal 4% al 10% sui servizi ad anziani, minori e disabili».

Gardini ha poi concluso osservando che si tratta di un «esborso sostenuto da Comuni e Asl che saranno costretti a tagliare i servizi a oltre 500mila persone con un contraccolpo occupazionale per oltre 42mila persone, un effetto drammatico».

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...