Accesso rapido

Mercoledì, 12 Dicembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional
K t fai? 19-06-2018, ore 11:43 scritto da post-emoboy
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 17:52 scritto da Luca
13 GIUGNO 13-06-2018, ore 16:00 scritto da CLAUDIA
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Troppo comodo 28-05-2018, ore 20:17 scritto da Angelo
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Gaeta - Campo antimafia: con la cooperazione sociale si può fare!


#Sipuòfare al Campo antimafia. Si può pensare di strappare alla camorra un bene e farlo risorgere, dandogli una nuova produttività, che si fa valore aggiunto per l′intera comunità. #Sipuòfare è la convinzione che niente è impossibile, quando il bisogno di apportare un cambiamento sociale è preponderante, come nel film del 2008 ("Si può fare" appunto), in cui un gruppo di pazienti dimessi dai manicomi in seguito alla Legge Basaglia, avviò una fruttuosa esperienza di lavoro cooperativo.
#Sipuòfare è stato l′hashtag del pomeriggio di formazione dedicato alla cooperazione sociale, a cura del Consorzio Parsifal.

Il responsabile della comunicazione, Toni Pironi, ha illustrato ai ragazzi del Campo antimafia come dal basso si muova la necessità di rispondere ai bisogni: proprio così nacquero le prime cooperative "sociali" agli albori degli anni ′80, quando gli ex pazienti si ritrovarono nuovamente "internati" in casa o emarginati per la loro inattività. Pian piano, però, la connotazione ammantata di vergogna che caratterizzava il malato mentale, iniziò a diradarsi per lasciar entrare un nuovo modo di concepire le cose: la disabilità poteva trasformarsi in una diversa abilità di fare, quindi anche di lavorare. Risorse sottratte alla società che invece potevano offrire un valore in più. A differenza delle imprese cooperative, infatti, quelle che si fregiano dell′attributo "sociale" hanno un intrinseco quid, che scaturisce proprio dalle peculiari finalità legate ai bisogni e al lavoro della collettività: si occupano delle persone più fragili e al loro interno possono trovare un′occupazione (o diventare soci) anche i soggetti svantaggiati.

Partendo dall′articolo 45 della Costituzione che riconosce la funzione sociale della cooperazione, si è arrivati alla Legge 328/2000, che promuovendo gli interventi socio-assistenziali, riconosce l′importanza delle cooperative sociali, quali operatori attivi nel risvegliare le potenzialità assopite di una comunità.
I ragazzi del Campo antimafia stanno facendo questo con i terreni confiscati: patrimoni, di cui la criminalità organizzata aveva privato il territorio, potranno tornare ad arricchirlo, grazie alla risposta di cittadini coscienti che hanno intercettato un bisogno.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...