Accesso rapido

Giovedì, 23 Novembre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lavoro - Sempre più donne al timone nelle coop


Dati molto interessanti quelli emersi durante la due giorni “Intrecciare il cambiamento – Impegni Azioni Scenari”, organizzata dalla Commissione dirigenti cooperatrici di Confcooperative, che si è svolta a Roma nei giorni scorsi. La cooperativa risulta la forma societaria che registra il maggior numero di donne nelle posizioni al vertice. Il 23% delle donne ricopre il ruolo di amministratore unico o di presidente, mentre, se si considerano anche i ruoli ricoperti negli organi di gestione e controllo delle cooperative, la percentuale sale al 26%.

Ad avere donne al comando sono soprattutto le cooperative sociali, 4 su 10; mentre sono 1 su 5 tra le cooperative culturali e turistiche e 1 su 4 tra le sanitarie.

È il Sud ad avere i numeri più alti. Nelle coop del Mezzogiorno ben il 25% delle donne occupa posizioni apicali; a seguire quelle del centro, con il 24,6%, mentre nelle regioni del Nord le donne al comando delle cooperative costituiscono solo il 19%.

In crescita anche il numero di donne tra i soci e gli occupati: il numero dei soci è salito di quattro punti percentuali dal 2005, stessa cosa tra gli occupati. Questa volta a prevalere sono le regioni del Nord con il 44% di donne tra i soci, a fronte del 39% del 2005, e con il 62% tra gli occupati con una crescita del 3%. Inoltre è da tener conto il considerevole incremento delle quote rosa tra gli occupati nelle cooperative del Sud, dove si è registrata una crescita del 10%. Anche tra gli occupati la cooperazione sociale è il settore dove si registra la quota più elevata di donne (72,5%).

L.L.


Fonte

Vita

immagine tratta da Minijob

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...