Accesso rapido

Giovedì, 12 Dicembre 2019

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Terza Media 13-09-2019, ore 20:59 scritto da Ba Mahamadou
.. 26-02-2019, ore 17:43 scritto da White
Re: Richiesta servizio 30-01-2019, ore 12:23 scritto da Renato
Richiesta servizio 06-01-2019, ore 11:23 scritto da Martina
Servizio civile 06-09-2018, ore 10:18 scritto da Federica
Ansia 25-07-2018, ore 20:49 scritto da Sofia
Emo is love 14-07-2018, ore 20:48 scritto da Emotional
K t fai? 19-06-2018, ore 11:43 scritto da post-emoboy
Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 17:52 scritto da Luca
13 GIUGNO 13-06-2018, ore 16:00 scritto da CLAUDIA

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

WellCome - La presentazione a Bologna


Si chiama WellCome il nuovo servizio di ricerca e selezione di assistenti familiari con il quale il Consorzio Parsifal si candida ad operare in un ambito ancora oggi connotato da irregolarità e abusivismo, proponendo un modello trasparente e tutelante di presa in carico sia dei bisogni della famiglia sia del trattamento delle lavoratrici.
Ad annunciare l′iniziativa è Daniele Del Monaco, presidente del consorzio. 

Al termine di un proficuo incontro con i sindacati, durante il quale sono stati discussi gli andamenti occupazionali, le innovazioni sull’organizzazione del lavoro ed i prossimi programmi di sviluppo, Del Monaco rilancia: «Forse si tratta del progetto che più abbiamo a cuore, quello che ci vede insieme ad una rete di cooperative sociali di tutta Italia, coordinate da Cadiai, per costruire un′inedita offerta di servizi di cura da proporre sul mercato privato».

«Stiamo via via mettendo in piedi - continua Del Monaco - un nuovo sistema di servizi, articolato e completo, in cui il ruolo centrale spetta al care manager. Si tratta di figura professionale che unisce più competenze: una persona che propone soluzioni lungo tutto il percorso di cura affrontato dalle persone in difficoltà e dalle famiglie che riterranno di rivolgersi al nostro servizio. Durante il primo contatto il care manager raccoglie tutte le informazioni utili per elaborare un modello personalizzato del servizio di cura, corrispondente ai bisogni ricostruiti ed alle caratteristiche della domanda. Un servizio dinamico - che non a caso si chiama ComeTe: perché viene realizzato su misura e perché si adatta continuamente alle esigenze dei beneficiari».


Ad occuparsi nelle regioni Lazio, Abruzzo e Sardegna della traduzione pratica del servizio sono undici cooperative sociali consorziate: Al parco (Roma), Alicenova (Viterbo e Roma), Altri colori (basso Lazio e nord Sardegna), Astrolabio (Latina), Cotrad (Roma e Latina), Domino (Frosinone), Il dono (Roma), Meta (Roma), Noa (Cagliari), Orizzonte (Pescara), Samidad (Chieti).

«Immaginate - dice Antonio Di Biase, coordinatore del progetto ComeTe-Parsifal - un anziano che per un evento traumatico è costretto ad un periodo di degenza in ospedale o in Rsa. Riabilitatosi, viene dimesso. La famiglia in poco tempo deve provvedere al suo rientro, adattare la casa ai suoi bisogni, intanto cambiati, ed organizzarsi per prestargli assistenza. Quasi sempre quel che arriva a noi, a questo punto, è la richiesta di una badante. Che sembra essere la soluzione di tutto. Meglio se disponibile 24 ore su 24, sette giorni alla settimana. Una risposta frettolosa, costosa, quasi sempre insostenibile ed instabile, che non garantisce la piena professionalità che il caso richiede e che mette la famiglia, impossibilitata a regolarizzarla in pieno, in una condizione di debolezza».


«Cosa fa invece la nostra care manager?» Di Biase lo spiega rapidamente: «Primo, decostruisce la richiesta, il che significa che fa un mucchio di domande alla famiglia. Poi ricostruisce il bisogno ed infine propone una soluzione diversa, in cui, sì, magari può anche esserci l′assistente familiare, ma per un periodo più congruo, e poi, se serve, il telesoccorso, o, per alcune prestazioni, l′infermiere, oppure, in alcuni momenti della settimana, l′operatore socio-sanitario. E magari orienta la famiglia alla fruizione dei servizi pubblici esistenti sul territorio. Noi diciamo che "mette su un pacchetto di servizi". Un′offerta articolata, modulabile, puntuale, regolare, ed anche meno costosa di quanto sarebbe stata una badante assunta a tempo pieno».

Ci sono voluti anni per predisporre tutti gli strumenti, comuni a più cooperative sociali in tutta Italia e che costituiscono la gamma ampia di risposte cui la care manager può far ricorso. L′11 febbraio il sistema dei servizi ComeTe avrà la sua presentazione ufficiale a Bologna, nella sala conferenze del MaMbo (Museo di arte moderna), all′interno di un convegno che non a caso è dedicato al problema dell′isolamento in cui si trovano persone e famiglie. 



"Fuori dalla solitudine - Un welfare integrato per superare l′isolamento nella cura" sarà aperto da Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna, e da Alessandro Micich, diirettore di Rete ComeTe e presidente di Consorzio Tecla.
Durante la mattinata interverranno Franca Guglielmetti, presidente di Cadiai, Paolo Venturi, direttore di Aiccon ed Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna. Uno spazio a parte verrà dedicato al tema delle soluzioni per il welfare aziendale: se ne occuperanno Renato Incitti, direttore di Consorzio Parsifal, Francesco Maietta, responsabile dell′area politiche sociali del Censis e Vanes Benedetto, responsabile welfare di Coop Alleanza 3.0. Le conclusioni saranno di Eleonora Vanni, presidente di Legacoopsociali.

L’obiettivo di Rete ComeTe e del servizio WellCome è di contribuire alla proposta di servizi che garantiscano qualità e che non rinunciano al fatto che la funzione pubblica, pienamente e intenzionalmente assolta dalle cooperative sociali, resti la principale garanzia di equità dei servizi resi.


Le foto sono state scattate da Federica Angelucci presso un′abitazione rggiunta dal servizio di assistenza domiciliare del Consorzio Parsifal e della cooperativa sociale Altri colori.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...