Accesso rapido

Martedì, 16 Ottobre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Coriandoline - Il quartiere a misura di bambino

Coriandoline è il quartiere a misura di bambino. Progettato da Luciano Pantaleoni, architetto e direttore della cooperativa Andria, è stato inaugurato a Correggio, in provincia di Reggio Emilia.

Coriandoline ha case colorate, scivoli a fianco delle scale nelle parti comuni, prati, garage interrati che formano colline di gioco, facciate con disegni, tutto si rende familiare e accessibile ai bambini e alle loro famiglie. L′innovativo quartiere è il frutto di un intenso processo di ricerca iniziato circa 13 anni prima e sviluppato con i 700 bambini delle scuole materne di Correggio e Rio Saliceto. Il piano ha vinto il premio Peggy Guggenheim, “per la scommessa poetica di leggere il mondo quotidiano attraverso gli occhi dei bambini e per aver valorizzato, nella concretezza del fare casa, sogni e progetti d′una migliore qualità della vita”.

La cooperativa Andria da anni si occupa di edilizia, nel 1990 è diventata coop d’abitanti e non d’abitazione. Il cambiamento non è stato solo formale, la coop ha modificato e rinnovato il proprio statuto e la propria mission, con l’obiettivo di “mettere al centro le persone e non le case”.
La coop, con più di 5mila soci e 17 dipendenti, si interessa alle esigenze delle giovani famiglie, degli immigrati o delle famiglie in difficoltà, target che per le scarse risorse sono tra i più emarginati del settore edilizio, tuttavia ammonisce il direttore “ rappresentano un problema crescente nel nostro sistema di convivenza, una sfida da cui non dobbiamo fuggire”.

Oltre al progetto Coriandoline, la coop Andria ha creato lo spin off di Argento Vivo, una coop sociale che si occupa di servizi alla prima infanzia e gestisce 8 asili, con 60 persone in organico. Ha realizzato appartamenti che offre ad affitto agevolato (meno di 300 euro al mese) a famiglie a rischio sociale. La coop ha sviluppato, inoltre, il progetto delle case “per Gio-Co”: 200 abitazioni finora realizzate. Si tratta di loft e case a schiera personalizzate e a prezzi vantaggiosi, con la caratteristica di essere “allargabili” nel caso la famiglia aumentasse. Il progetto ha ricevuto la menzione d’onore, nel 2002, al World Habitat Award

Spiega Pantaleoni ,“la costruzione di una nuova abitazione è per noi un processo partecipato: siamo in 5 architetti a lavorare sulla progettazione, periodicamente in contatto con chi riceve le famiglie: credo che l’ascolto dei bisogni e l’imperativo di tradurli in soluzioni sia uno dei nostri punti di forza”.

L. R.


Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...