Accesso rapido

Giovedì, 16 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Ciechi - La proposta di Gerri del Grande Fratello

13.05.2009 | immagine decorativa 1 | Invia ad un amico | Stampa

uomo_buio_flickr_jodyart_410.jpg

 

Gerri Longo, ex concorrente del Grande Fratello, cieco dalla nascita a causa di un glaucoma congenito, ha sempre avuto un progetto, quello di «organizzare - racconta - cene al buio nei locali della capitale e in quelli di tutta la regione».

«Le cene al buio - spiega - sono serate gastronomiche in cui commensali vedenti sono serviti da non vendenti in un ambiente completamente oscuro. Un modo per calarsi nella realtà vissuta quotidianamente da milioni di persone e per vivere un′esperienza sensoriale diversa, gustando di più sapori e odori».

 

Un sogno imprenditoriale che Gerri stava cercando di mettere in pratica professionalmente grazie alle attività di orientamento e supporto all′autoimprenditorialità per disabili offerte da ′Abilmente′, che poi ha interrotto per entrare nella casa più famosa d′Italia, e che ora ha rispolverato per proporlo ai ristoranti romani.

«E′ un progetto importante sia nel titolo che negli obiettivi», chiarisce Gerri nel corso del suo intervento al convegno "Abilmente. L′inclusione sociale attraverso l′imprenditorialità", perché - continua - se le persone disabili sono messe in condizione di poter fare qualcosa di concreto possono portarlo a termine al meglio come chiunque altro».

A.S.

La fotografia è tratta dal sito internet Flickr ed è di jodyart

Tag associati

Commenti

Non vedenti: sì ai percorsi al buio, no alle cene al buio
scritto da lucyfra - 15.05.2009
Non vedenti: sì ai percorsi al buio, no alle cene al buio

Buio per finalità didattiche, luce e colore per condividere la quotidianità

Da alcuni anni l’ex Istituto dei Ciechi di Milano ha realizzato un percorso al buio, una galleria completamente priva di luce, dove la persona vedente,
temporaneamente impossibilitata a sfruttare la vista, viene aiutata dalla guida non vedente a muoversi e a conoscere l’ambiente mediante il tatto, l’udito,
l’olfatto e il gusto. Recentemente questa struttura, che è divenuta itinerante grazie a un’importante catena di ipermercati, ha attraversato l’Italia passando
da un centro commerciale all’altro. Il percorso al buio, tramite un processo di imitazione e di immedesimazione, insegna al vedente come è possibile comportarsi
in assenza della vista e quindi ad avvicinarsi con maggiore serenità al mondo dei ciechi. La galleria termina con un bar nel quale si possono apprezzare
gusto, aroma, fragranza e forma dei cibi senza vedere cosa si sta mettendo in bocca. Ed ecco che dal bar nasce l’idea della cena al buio.

A questo punto l’immedesimazione rischia di trasformarsi in disagio. Per chi vede mangiare nell’oscurità può comportare qualche problema e non è certo l’imbarazzo
di cenare al buio che aiuta i non vedenti – e la loro condizione – a risultare più comprensibili e simpatici. Un conto è recitare il ruolo di non vedente
per un’ora, tutt’altro è essere non vedenti o ipovedenti per sempre. Nessuno può mettersi completamente nei panni dell’altro e pertanto non si può pretendere
che i vedenti riescano a capire come si svolge la quotidianità senza un senso di fondamentale importanza come la vista. Come accade per il percorso al
buio, il vedente può avvicinarsi alla realtà del cieco, imparare a conoscere la persona cieca e a rendersi utile. La finalità degli ambienti al buio consiste
nell’apprendere che cos’è la cecità, chi è il cieco, come aiutarlo. Terminata la galleria buia, tutti tornano alla luce, non vedenti compresi. I ciechi
non dovrebbero mettersi nelle condizioni di nascondersi nell’oscurità e costringere i vedenti a mangiare come loro. I non vedenti, insieme ai loro accompagnatori
e in accordo con le associazioni che li rappresentano, dovrebbero organizzare delle cene e dei pranzi in locali luminosi e colorati: la sensazione di benessere
procurata dalla luce e dal colore li contagerà, li renderà più felici, li metterà al centro dell’attenzione e permettterà ai vedenti di vedere che anche
i ciechi mangiano, parlano, piangono e ridono. I camerieri non vedenti possono esibire la loro abilità nel mettere in tavola le portate sia nel bar della
galleria al buio, sia nelle cene luminose e colorate. La serenità in un rapporto interpersonale, non vedenti da un lato e vedenti dall’altro, si raggiunge
se entrambe le parti dimostrano di muoversi insieme l’una verso l’altra. Fortunatamente, il mondo è fatto di luci e colori ed è perciò auspicabile che
i non vedenti vengano sempre più coinvolti, e allo stesso tempo si facciano coinvolgere, nella quotidianità.


Dal blog:
primule.blog.kataweb.it

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...