Accesso rapido

Martedì, 14 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Every One - Nuova campagna di Save the children

"Every one": ogni bambino ha il diritto di vivere, ogni persona ha il dovere di impegnarsi perchè questo diritto sia garantito.
Questo il titolo e il senso della nuova campagna lanciata da Save the children, che ha lo scopo di combattere e ridurre drasticamente la mortalità infantile, campagna che nasce sulla base di dati allarmanti:

- 24.000 bambini sotto i cinque anni di vita muoiono ogni giorno nel mondo (9 milioni l′anno)
- 2 milioni di bambini muoiono entro 24 ore dalla nascita
- 1 milione non sopravvive oltre la prima settimana di vita

Cifre che non fanno ben sperare rispetto al quarto obiettivo di sviluppo del millennio (individuato nel 2000 dai leader mondiali), che prevede la riduzione di due terzi del tasso di mortalità infantile entro il 2015.
Secondo Save the Children, "in base agli attuali trend di miglioramento annuo, questo obiettivo non sarà raggiunto prima del 2045".
Ad essere maggiormente colpiti i Paesi in via di sviluppo, il 97% dei bambini muore in paesi come India, Nigeria, EtiopiaPakistan.
La maggior parte dei decessi è provocata da cause facilmente prevenibili, quali complicazioni neonatali (37%), polmonite (19%), diarrea (17%), malaria (8%) e morbillo (4%).
«Basterebbe un investimento aggiuntivo dai 36 ai 45 miliardi di dollari l′anno, oltre alla cifra di 31 miliardi del 2008, per ridurre la mortalità infantile e materna, cifra che corrisponde a meno della metà di quanto si spende annualmente in acqua imbottigliata», queste le parole di Claudio Tesauro , presidente dell′associazione.

A.S.

La fotografia è tratta da liberamenteblog

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...