Accesso rapido

Sabato, 17 Febbraio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Minori – L’identikit del bambino abusato

Hanno dai 6 ai 10 anni, sono per lo più femminucce, vivono in casa con i propri genitori biologici che li trascurano gravemente. È questo il quadro dei bambini abusati tracciato dal Centro aiuto al bambino maltrattato e alla famiglia dal 1998 all′ottobre 2009 che in 11 anni ha trattato 700 casi di bambini abusati inviati al centro dai servizi sociali municipali romani, dal Tribunale dei minori, dalle Asl o dal Pam (Pronta accoglienza minori). I dati sono stati presentati al Campidoglio dall′assessore alle Politiche Sociali Sveva Belviso e dal professor Francesco Montecchi, neuropsichiatria e responsabile dell′associazione "La cura del girasole" in occasione della presentazione dei corsi dedicati ai professionisti del settore per individuare tempestivamente i sintomi di abuso sui minori.
Dal 1998 ad oggi sono arrivati al Centro di aiuto al bambino maltrattato circa 700 bambini di cui il 36,70% di piccoli tra i 6 e gli 11 anni, il 21%, il 21% tra gli 11 e i 13 anni, il 20,14% dai 14 ai 17 anni, il 16,26% dai 3 ai 5 anni e il 5,83% dagli 0 ai 2 anni. I piccoli che arrivano sono per il 54,20% femmine, 45,80% maschietti, per lo più italiani (nell′86,80% dei casi), nel 3% di altri paesi europei e nell′8,54% stranieri. Le tipologie di abuso sono le più varie: vanno dalla trascuratezza grave al maltrattamento fisico, dal maltrattamento psicologico alla vera e propria violenza assistita e abusi sessuali. La struttura familiare del nucleo in cui si verifica il maltrattamento è, nel 45,90% dei casi quella in cui i genitori sono biologici, mentre, in misura molto inferiore (22,40%) sono presenti bambini figli di ragazze madri. Nell′8,60% di casi si parla di famiglie estese ai nonni e solo nel 1,30% famiglie adottive o affidatarie.
L′abuso - spiega il professor Montecchi - non è mai uno solo, ma si tratta spesso di una serie di maltrattamenti, da quello psicologico a quello propriamente fisico". Ma quali sono i sintomi di un bambino abusato? "I sintomi possono essere i più diversi e sono tutti indiretti - spiega il neuropsichiatra - nella maggior parte dei casi però ci sono sintomi di tipo ossessivo oppure una regressione nelle loro capacità fisiologiche o cognitive". Smettono quindi di parlare e tornano al pannolino. In caso di abusi sessuali invece "è frequente che i bambini non vogliano andare a scuola o fare ginnastica per non spogliarsi". In questo contesto una formazione di coloro che già, a diverso titolo e con diverse funzioni, si occupano dei bambini è fondamentale. "Il nostro tentativo - spiega Belviso, assessore alle Politiche Sociali - è quello di creare nel tempo un protocollo comune per trattare con bambini abusati in modo che non vengano compiuti errori grossolani. Obiettivo non è fare quello che si sa fare ma fare quello che è opportuno fare". Gli fa eco Montecchi: "Bisogna conoscere alcune regole fondamentali, spesso non rispettate nei colloqui con bambini abusati, non si devono fare domande dirette, bisogna ascoltare ed osservare, i rischi di rovinare ancora di più i piccoli in situazioni di fragilità sono reali”.

C.C.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti della settimana

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...