Accesso rapido

Martedì, 16 Ottobre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Terzo Settore - A rischio le risorse per il volontariato



La radicale riscrittura della legge 266/91 (la legge quadro sul volontariato), comporterà uno stravolgimento dei Centri di Servizio per il Volontariato: verranno meno le risorse per le attività.
E′ per questo che il Forum del Terzo settore fa appello al governo, ai parlamentari e ai Presidenti delle Camere per fermare questo nuovo disegno di legge che produrrebbe danni gravissimi ad una fondamentale risorsa civile del Paese.
Afferma Fausto Casini, coordinatore della Consulta del Volontariato presso il Forum del Terzo Settore: «Il volontariato da tempo chiede una riforma della legge 266, ma per renderla più attuale e più rispondente alla realtà associativa, mai avremmo pensato a modifiche legislative di questa natura ed attuate con queste modalità e senza alcuna interlocuzione.»
Interviene sulla questione anche Andrea Olivero: «Non c′è dubbio che le popolazioni che vivono in aree montane vivono, a volte, in una condizione di particolare difficoltà e che dovrebbero essere previste maggiori iniziative a sostegno del loro sviluppo economico e sociale, ma questo obiettivo, pur condivisibile non può essere raggiunto tagliando risorse e indebolendo chi ogni giorno è impegnato in azioni concrete per chi si trova in una condizione di disagio e di emarginazione, e realizza occasioni di socialità per tutti i cittadini, rappresentando uno dei pochi presidi della coesione sociale del Paese.»

Fonte: SegretariatoSociale

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...