Accesso rapido

Lunedì, 25 Giugno 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Mafia Capitale - Legacoop si costituisce parte civile


Il giorno 5 novembre Legacoop, a nome dell’Alleanza delle Cooperative italiane, ha chiesto, davanti al giudice penale della decima sezione del tribunale di Roma, di costituirsi come parte civile al processo ‘’Mafia Capitale’’.

Il presidente di Legacoop, Mauro Lusetti, spiega come fosse necessario agire in questo senso, in quanto questa attività illecita e criminale ha gettato fango sulla reputazione dell’intero movimento cooperativo, incluse le cooperative che lavorano onestamente e nel pieno rispetto delle leggi e delle persone.

Avendo inoltre, l’Alleanza delle Cooperative Italiane, sottoscritto il “Protocollo di legalità” con il Ministero dell’Interno la richiesta fatta al tribunale di Roma risultava quantomeno opportuna. Il protocollo, infatti, prevede la promozione dell’etica e della responsabilità e la previsione del dovere di denuncia dei reati che ne limitino la libertà economica a vantaggio di imprese o persone riconducibili a organizzazioni mafiose.

Lusetti conclude affermando che Legacoop ha agito per tutelare le proprie associate dalle organizzazioni criminali mafiose e per ottenere un risarcimento non patrimoniale per il danno subito.
L.L.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...