Accesso rapido

Giovedì, 19 Ottobre 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena
Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo
l′impossibile è possibile 21-02-2017, ore 21:02 scritto da Luigi

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Nidi - Vettigli: «Le coop creano lavoro stabile»

«Il nostro scopo è quello di tutelare la libertà di scelta da parte delle famiglie e il lavoro, stabile e non sottopagato come si lascia intendere, delle educatrici dei nidi convenzionati». Cosi si esprime Anna Vettigli (nella foto), responsabile Cooperative Sociali di Legacoop Lazio commentando il comunicato congiunto di Confcooperative e Lega diffuso in replica alla nota della Usb Roma di qualche giorno fa inerente il prossimo bando comunale degli asili nido.

Questa nota, in sostanza, chiedeva all’amministrazione capitolina di compiere una decisa virata verso l’internalizzazione dei servizi e del lavoro riducendo drasticamente lo spazio concesso ai nidi convenzionati.

«Si sta tentando di far passare un messaggio sbagliato – continua Vettigli – nel contenuto e nella forma che rischia di mettere in seria difficoltà un lavoro, quello delle cooperative sociali, che ha prodotto nel corso degli anni un patrimonio prezioso di competenze a tutto beneficio delle famiglie e dei più piccoli. La nota, inoltre, non tiene minimamente conto della specificità del lavoro cooperativo che tutto è tranne che mosso dal ‘dio profitto’ come qualcuno sta lasciando intendere. Le educatrici dei nostri nidi sono spesso anche socie delle cooperative e sono direttamente coinvolte, quindi, in un percorso di crescita professionale che fa proprio del lavoro e non del mero profitto il proprio cardine. un lavoro di grande qualità, frutto di tanta formazione e studio, capace di generare un’offerta educativa che ci auspichiamo resti nella possibilità di scelta delle famiglie romane. E’, quello delle nostre cooperative - conclude Vettigli - un lavoro stabile e rispettoso dei contratti collettivi che rischia di essere compromesso a vantaggio di soluzioni che conducono direttamente a nuove forme di precariato».

Documenti
Il comunicato di Conf e Lega
La nota dell’Usb

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...