Accesso rapido

Venerdì, 17 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

Recensioni - libri, riviste e film sul sociale

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

L’economia della solidarietà. Storia e prospettive della cooperazione sociale

Autore: Carlo Borzaga, Alberto Ianes

Editore: Donzelli Editore

Prezzo: 25,00 euro

Voto:

Carlo Borzaga ha spiegato il perché di questo libro nell’ultima convention di Cgm. Stanno prendendo piede – ha detto – una serie di interpretazioni sul fenomeno della cooperazione sociale che tendono a negarne la rilevanza. Teorie devianti: per contrastarle bisogna “ricostruire la storia”.

Con stile accessibile anche ai non esperti, gli autori (Alberto Ianes soprattutto) la ripercorrono dal punto di vista della cooperazione di matrice cattolica.

La premessa racconta di una generale crisi del welfare state, che dal fascismo ha perpetuato, col modello Stato/mercato, una politica distributiva, risarcitoria, assistenzialistica, limitata all’intervento monetario.

I bisogni emergenti, già dagli anni Settanta, erano altri. Nuove povertà, non più solo materiali, e la necessità di servizi a forte relazionalità, spinsero un gruppo di persone (Filippini, Mattarelli, Scalvini, Borzaga stesso) a teorizzare un altro modello: né Stato né mercato, ma un soggetto nuovo, un’impresa non profit, solidale più che mutualistica, in grado di costruire la welfare society.erger

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...