Accesso rapido

Martedì, 23 Maggio 2017

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Dove sei 05-05-2017, ore 18:49 scritto da Laura
Pregi e Difetti 24-04-2017, ore 17:18 scritto da Angelo
l′impossibile è possibile 21-02-2017, ore 21:02 scritto da Luigi
È attivo? 17-02-2017, ore 12:09 scritto da Sara
assistente familiare 15-01-2017, ore 10:36 scritto da rossana
Diploma oss 24-11-2016, ore 17:57 scritto da Katia
Dirigente di Comunità 20-11-2016, ore 16:01 scritto da Chiara
emo è amore..è vita..e amore per essa 03-11-2016, ore 23:49 scritto da l'importante è ciò che hai dentro
essere emo,ha un importante significato 02-11-2016, ore 00:32 scritto da me
Resuscitato il comma 5, ed è più cattivo. 13-09-2016, ore 08:41 scritto da Ruggero

contenuto

Recensioni - libri, riviste e film sul sociale

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

La mia ′ndrangheta

Autore: Rosy Canale, Emanuela Zuccalà

Editore: Paoline Edizioni

Prezzo: 19,90

Voto:

09.01.2013immagine decorativa 1 | Invia ad un amico | Stampa


Se siete in libreria e vi capita sotto gli occhi questo libro, non fatevi scoraggiare dalla copertina nera e cupa e dal titolo rosso sangue.
Contrariamente alle apparenze, questo non è il solito libro sulla mafia.
E′ invece un libro pieno di colori, che racconta la meraviglia della Calabria, della Locride e delle donne e degli uomini che la abitano. Dal punto di vista - particolare - di Rosy Canale, autrice e protagonista di una storia che merita di essere conosciuta.  

Lei è un′irrequieta ragazza di Reggio Calabria, lunghi capelli rosso Malboro, jeans attillati taglia extrasmall, stivali dall′immancabile tacco tredici, 35 sigarette al giorno. Additata come pazza o zoccola solo perché rifiuta di omologarsi, Rosy si sente intrappolata, come dentro una serie di prigioni concentriche, da una mentalità familiare e sociale che non le appartiene.  

D′istinto e con una crescente consapevolezza, la «signora Malaluna» (come la chiamano a Reggio) sfida la ′ndrangheta e decide - all′indomani dell′eccidio di Duisburg - di trasferirsi a San Luca, un paesello di quattromila abitanti alle pendici dell′Aspromonte.
L′epicentro del male: da qui è infatti partito l′ordine della strage in Germania.
Qui sono le basi logistiche e le residenze dei boss protagonisti della faida.  

Qui, soprattutto, ci si rende conto di quanto siano fuorvianti i cliché giornalistici. «C′è il mondo - scrive Rosy - e poi c′è San Luca. Che è fuori dal mondo. Un′altra entità, dotata di una sua organizzazione sociale e mentale che fa capo soltanto a San Luca e si articola lungo due velocità: l′arretratezza culturale e l′avanguardia del malaffare».



A San Luca Rosy incontra donne straordinarie: come Teresa, che, perdonando gli assassini di suo figlio e di suo fratello, si veste scandalosamente di bianco al loro funerale; Saveria, maestra di telaio antico, laboriosa ed orgogliosissima dell′onestà della propria famiglia; Maria, giovane, pulita, autentica, un vero e vivace talento artistico; Annalisa, alta e sottile, libera, sfrontata, con la passione per il giornalismo e per lo smalto viola; Saverina, che sembra una bambola di porcellana, dai modi sempre gentili e un gusto innato per i decori.  

In 400 si uniscono e fondano il movimento che punta alla rinascita del loro paese. Sono madri, mogli e sorelle delle vittime di ′ndrangheta e dei loro carnefici. Unite dalla bellezza dei loro volti e sguardi, dalla volontà di affermare il valore della vita e dalla necessità di seppellire le logiche della vendetta insieme al detestato nero dei continui ed interminati lutti.  

Con Rosy inventano un nuovo modo di essere e di fare antimafia. Ed è questa la vera cifra della loro storia. «Il nostro - raccontano - è stato un percorso pratico, senza tentazioni filosofiche: cercavamo di coinvolgere la popolazione di un comune ad alto tasso delinquenziale in attività che schiudessero scelte di vita alternative. Un lavoro lungo, complesso, privo di proclami eclatanti. Non sempre gratificante. Ma l’unica base da cui realmente partire.  

Esistono luoghi immobili come le montagne dove chi spera d’invertire i destini non può presentarsi con la pretesa di attribuire alle cose la loro etimologia reale, né invocare l’evidenza della storia e della cronaca. Non può puntare il dito stilando la lista dei cattivi e parlare alla gente con la propria logica senza preoccuparsi della loro logica e della loro storia, sebbene quelle coordinate etiche e cognitive distino anni luce dalle nostre, e spesso ne siano contrapposte. Possiamo chiamarla complicità, omertà, ma indossando uno sguardo speciale, acuto e colmo di empatia, è possibile afferrare la scintilla che preme sotto il sedimento, portarla alla luce, farne fuoco».

News correlate

Tag associati

Commenti

Contro la violenza ...contro tutte le mafie
scritto da centro antiviolenza LaNereide onlus Siracusa - 02.02.2014
Le donne unite verso la rinascita della speranza...della fiducia in se stesse ... ...della VITA...

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...