Accesso rapido

Giovedì, 16 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Società – 500 milioni i poveri in più nel mondo

29.08.2008 | immagine decorativa 9 | Invia ad un amico | Stampa

 

 

La Banca Mondiale ha scoperto di recente 500 milioni di persone in più che vivono in povertà rispetto al 2004 quando erano circa un miliardo. Nel mondo 1,4 milioni di persone, cioè una su quattro, ha meno di 1,25 dollari al giorno. La stima al rialzo è dovuta a nuovi metodi di rilevazione, infatti gli economisti hanno tenuto conto dell’aumento del costo della vita anche per il rialzo di carburanti e generi alimentari.

 

«La notizia che la povertà è più diffusa di quanto pensassimo significa che occorre raddoppiare i nostri sforzi, specialmente nell′Africa sub-sahariana» - ha dichiarato in un comunicato Justin Lin, capo economista della Banca Mondiale e Primo vicepresidente per l′economia per lo sviluppo.

Obiettivo dell’Onu è dimezzare entro il 2020 la povertà, che ogni anno a partire dal 1991 era diminuita di un punto in percentuale.

 

La ricerca rivela tuttavia che enormi passi avanti sono stati fatti: nel 1981 la metà della popolazione mondiale viveva nella povertà, vent’anni dopo si è ridotta ad un quarto.

I maggiori progressi nella lotta alla povertà si registrano nell′Asia orientale, dove il tasso di povertà è passato da circa l′80% nel 1981 al 18% nel 2005, grazie soprattutto allo sviluppo economico cinese. Nell′Africa sub-sahariana, la percentuale delle persone che vivono con meno di 1,25 dollaro al giorno è invece rimasta ferma al 50%, ma il numero dei poveri è quasi raddoppiato, passando dai 200 milioni del 1981 ai 380 milioni del 2005. Se la tendenza dovesse rimanere tale entro il 2015 un terzo dei poveri di tutto il mondo vivrà nel continente africano.

 

M.R.


Tag associati

Commenti

diceva una canzone....
scritto da LUCA - 27.12.2009
REVOLUTION...THE ONLY SOLUTION...PURTROPPO E′ VERO!! CON LE PAROLE NN SI RISOLVE PIU′ NIENTE: SE IL MONDO OCCIDENTALE CAPISCE SOLO LA LINGUA DEL PIOMBO COME SOLUZIONE...COSI SIA!!!
come si fa?
scritto da felix - 25.04.2009
è orribile sapere che pur facendo tanto ci sono persone che muoiono e persone che ne aprofittano... la foto è fortissima...non ci sono parole, neanche le più brutte per esprimere quello che ho provato quando ho guardato la foto...
sono totalmente daccordo con Vania 93...è orribile...
basta...credo di non sapere più che dire....
Vostra foto inviata a La Patria grande de Caracas
scritto da Guaicaipuro - 23.09.2008
Cari amici di Parsifal, avevo segnalato la foto e questo articolo a La Patria Grande de Caracas ( www.lapatriagrande.net) che oggi l′hanno pubblicato, con il relativo link al vostro sito. Spero non vi dispiace. Cordiali saluti e complimenti per vostro ottimo sito
x perla
scritto da Gengis - 01.09.2008
Hai ragione, i colpevoli ci sono e siamo tutti noi con i nostri comportamenti irresponsabili. Se ci pensi è assurdo che sullo stesso pianeta possano coesistere persone obese e persone che muoiono di fame e tutto nel nome del dio denaro. Per non far crollare il prezzo di molte coltivazioni (arance, pomodori ecc.) la nostra gloriosa civiltà ne fà concime, per sfruttare i ricavi sui brevetti dei farmaci si fanno morire popoli interi nel terzo mondo, per avere i combustibili si fomentano guerre e si istituiscono dittature (e non parlo dell′Irak.
ci sono colpevoli
scritto da perla - 31.08.2008
chi sa che farei x loro ma io credo che ci siano anche i colpevoli.
http://lineguides.netsons.org
scritto da cirio - 31.08.2008
impressionante quell′immagine O_o
_Senza titolo_(non ne trovo uno)
scritto da Vania93 - 31.08.2008
Non trovo le parole per commentar questo articolo.
Direi che la foto si commenta da sola.
Non Riesco ad esprimere lo sconcerto che mi causa il costatare che a questo mondo milioni di persone muoiono di fame mentre ci sono persone che continuano ad arricchirsi sulle spalle degli altri!
Non ho nientaltro da aggiungere direi
..l′africa..
scritto da pafoll - 31.08.2008
sai cosa mi fa scioccare invece a me? il fatto che ogni volta che vediamo queste foto o che leggiamo certi articoli ci vergognamo o veniamo presi da emozioni del tipo lacrime rabbia o come dici te sciock.. ma poi voltiamo pagina e tutto passa.
Proviamo pena ma ci fermiamo lì.. molti di noi agiscono così...
Ma provare pena non serve.. provare rabbia non serve.. farsi scioccare non serve..
non si deve provare più pena per l′africa perchè è proprio la pena che poi non ci fà muovere verso di lei.. L′africa, gli uomini e le donne africane stanno scommettendo su di loro e noi in questo dobbiamo credere e il crederlo deve anche stimolarci per poter cooperare ai loro progetti, sostenendoli senza sostituirci a loro.
Dobbiamo scioccarci quando rimaniamo indifferenti.. dobbiamo arrabbiarci quando il nostro sciock non porta a niente e continuamo a comprare e a sperperare...
una cosa che l′africa mi ha regalato è un dono che io porterò nel cuore fino al mio ultimo respiro e che ha rafforzato il mio dover cooperare con chi mi cammina accanto.
Appena scesa dall′aereo, dopo un giorno di viaggio e ormai il tramonto che colorava il cielo è stato sentirmi a casa, lontana da casa, eppure chi mi accoglieva non mi aspettava.
Gli africani riservano un sorriso per ognuno di noi, sempre, siamo fratelli siamo uomini di valore proprio per il progetto che Dio ci donato.. la vita.
Non disperiamoci per l′africa, ma per noi che vogliamo che essa rimanga là, povera e ammalata.
povertà?
scritto da paoloest - 31.08.2008
Ma qui non siamo alla povertà ma alla involuzione umana! E io NON COSA FARE. Aiuto popolazioni povere attraverso iniziative strettamente private e di stretta fiducia. Diffido delle strutture "organizzate" non si bene a far cosa. Che Dio ci perdoni.

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...