Accesso rapido

Giovedì, 24 Maggio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lazio – Centri diurni per disabili psichici: i numeri

21.10.2008 | immagine decorativa 1 | Invia ad un amico | Stampa

solitudine

L′Osservatorio sull′inclusione sociale (Ois) dell′Isfol (Istituto formazione e orientamento dei lavoratori) ha ora avviato il Programma per il sostegno e lo sviluppo dei percorsi integrati di inserimento socio-lavorativo dei soggetti con disturbo psichico (Prop), di durata biennale. Un programma integrato, avviato dal Ministero del Lavoro, volto a razionalizzare e sviluppare i processi di integrazione, attraverso lo studio delle attività, delle risorse e delle diverse variabili che influenzano il successo dei percorsi di inserimento dei disabili psichici.

L’iniziativa prende spunto dall’esperienza dei centri diurni riabilitativi del Lazio, strutture che si occupano di riabilitazione di pazienti psichiatrici, attraverso l’accompagnamento e la formazione.

I risultati prodotti dal primo anno di attività del progetto, che riguardano esclusivamente il Lazio, sono stati resi noti nei giorni scorsi: 2.301 sono i soggetti con disturbi psichici che nell’ultimo anno si sono rivolti ai centri diurni riabilitativi (Cdr) del Lazio. Il 38% dei quali con frequenza quotidiana, il 40% almeno una volta a settimana, solo il 4% due volte a settimana. I dati mettono in evidenza l’importanza di tali strutture pubbliche, che offrono un’assistenza che altrimenti dovrebbe provenire solo dalle famiglie o dai servizi sociali.

Le attività svolte nei centri riguardano per il 38% il sostegno alla socializzazione, per il 26% il sostegno clinico-terapeutico, e per il 22% le azioni volte all’inserimento lavorativo.

Le attività avviate nei centri diurni del Lazio sono state 332, di queste 53 rivolte alle arti espressive, 37 alle arti pittoriche, 36 alla cura di sé e alla socializzazione, 33 alle attività sportive, 24 a laboratori artigianali vari. Sono 516 gli operatori specialisti impegnati nel progetto, più della metà di essi proviene dalle Asl. Per quanto riguarda gli utenti sono in media 40 per ciascun centro. La maggior parte di loro ha un′età compresa tra i 25 e i 44 anni (52%), mentre solo il 6% sono giovani al di sotto dei 24 anni.

 

M.R.

Tag associati

Commenti

MARCHES
scritto da PEPPE - 20.11.2009
SAREBBE BELLO SE FOSSE VERO

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...