Accesso rapido

Giovedì, 24 Maggio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Università – Studenti non vedenti: le soluzioni dei Leo

non vedente

 

Da un’indagine effettuata nella metà delle Università Italiane, rappresentative del 67% della popolazione studentesca, emerge che lo 0,1% degli studenti presenta disabilità della vista, essendo ipovedente o non vedente

 

Emanuele Guido, responsabile dell′Ufficio Studi dei Leo Club Italiani e promotore dello studio sugli studenti disabili visivi nelle università italiane afferma che «dall′analisi effettuata sono emerse due fondamentali considerazioni: la prima è che, nella maggior parte dei casi, il vero ostacolo allo studio dei ragazzi con disabilità della vista non è rappresentato dalla mancanza di tecnologie adeguate quanto piuttosto dall′inadeguatezza dei format dei testi di studio; questo è il motivo principale per la costituzione della Task Force sulle linee guida, elemento imprescindibile del nostro progetto.

 

La seconda considerazione – aggiunge Emanuele Guido - è legata al numero ancora eccessivamente ridotto di studenti universitari disabili e alla forte concentrazione degli stessi nelle facoltà umanistiche, primariamente Lettere e Filosofia e Scienze della Formazione. Tale risultato è sicuramente riconducibile al fatto che tali facoltà presentano materie più idonee ad essere studiate con il solo ascolto di supporti audio; esse, inoltre, contano già numerosi laureandi e laureati che aiutano gli studenti più giovani tramite, ad esempio, la condivisione dei materiali di studio, spesso autoprodotti con il supporto di colleghi, amici o familiari. Il nostro obiettivo è incentivare anche lo studio delle materie scientifiche che oggi, con le nuove tecnologie, sono decisamente più accessibili e si inseriscono meglio nel percorso di studi del singolo ragazzo».

 

aula universitaria 

 

Le Università gestiscono in autonomia l’accoglienza di questi studenti con servizi e dotazioni tecnologiche che presentano soluzioni molto variegate. Il progetto dei Leo “Unileo 4 light” è presente invece in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale allo scopo di integrare o aggiornare le tecnologie presenti nelle università ed offrire numerosi servizi accessori per l′integrazione scolastica universitaria di non vedenti e ipovedenti.

 

Per sostenere “UNI LEO 4 LIGHT” è possibile effettuare un versamento o un bonifico sul conto corrente intestato a Multidistretto Leo 108 Italy – UniLeo 4 Light, Credito Emiliano SpA – ag. di Savona, IBAN IT68 T030 3210 6000 1000 0001 908.

 

C. I.

 

Foto non vedente tratta da wikibanda

Foto aula universitaria di laffy4k


Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...