Accesso rapido

Giovedì, 16 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Bambini - Adozioni del sorriso a Roma

 
sorriso_flickr_avojac_410.jpg
 
Dopo 20 anni si svolge a Roma oggi, presso lo Spazio Etoile in piazza San Lorenzo in Lucina, la sessione plenaria dell′Ero (European Regional Organization), l′associazione regionale europea della Fdi (Federation Dentaire Internationale-World Dental Federation).
L′assessore capitolino alle politiche sociali, Sveva Belviso, e il presidente della società italiana di ortodonzia, Claudio De Nuccio, hanno firmato in Campidoglio un protocollo d′intesa che garantisce le cure ortodontiche gratuite ai circa 250 bambini, tra i 9 e i 12 anni, ospitati nelle case famiglia del comune di Roma.
 
Il «Progetto nazionale di solidarietà» associa a ciascuno degli 85 dentisti romani, che per il momento hanno aderito all′iniziativa, un bambino, in una sorta di adozione clinica del sorriso.
«L′età fra i 9 e i 12 anni è la più indicata per effettuare interventi ortodontici - ha detto Belviso - e i bambini beneficiari delle cure sono immigrati, richiedenti asilo o non accompagnati.
Se tutti i 250 piccoli ospiti delle case famiglia dovessero usufruire di queste cure, il risparmio per l′amministrazione comunale sarebbe in media di 500 mila euro annui».
A.S.
La fotografia è tratta dal sito interne Flickr ed è di Avojac

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...