Accesso rapido

Lunedì, 21 Maggio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Roma - Le coop sociali cercano salvezza e concretezza



Legacoop Lazio, Confcooperative Federsolidarietà Lazio e Acgi Lazio, tre importanti realtà della cooperazione sociale nel Lazio, hanno richiesto un incontro con il Comune di Roma: l′obiettivo dell′incontro è quello di ottenere adeguamenti contrattuali delle tariffe di assistenza alla persona e dei servizi residenziali gestiti in convenzione con l′amministrazione romana.
Di primaria importanza è il tentativo di arginare la crisi: le difficoltà economiche e occupazionali stanno infliggendo duri colpi alle diverse cooperative (sia di tipo A che di tipo B).
Pino Bongiorno, presidente di Legacoopsociali, è tra i primi a mettere in evidenza un sistema capitolino carente dal punto di vista del welfare: "Roma non ha bisogno di interventi spot, ma di un piano regolatore sociale e di un bilancio in cui siano certe le risorse, gli investimenti, le linee guida, la delocalizzazione degli interventi a seconda dei diversi bisogni dei territori, il matching tra gli strumenti di sostegno alla persona. Aspettiamo di essere convocati e ci aspettiamo concretezza sui problemi, evidenti, in cui versa un intero settore produttivo della città. Vorremmo che ci fosse un segnale di discontinuità, perché troppo spesso ci viene ripetuto ‘Vorremmo ma non possiamo: non ci sono soldi′. Certo è che non siamo disposti a fare passi indietro sui Liveas", i livelli essenziali delle prestazioni sociali.

Mi.Mi.

Fonte: SuperAbile

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...