Accesso rapido

Domenica, 21 Ottobre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Terzo Settore - Zamagni opta per un ponte tra educazione e mondo del lavoro



"Oggi non è più sufficiente mandare tutti a scuola: in Italia i disoccupati sono laureati" questo quanto dichiarato da Stefano Zamagni, professore di economia politica all′università di Bologna e presidente dell′Agenzia nazionale per le onlus, durante la conferenza biennale del comitato economico e sociale europeo di Firenze.
L′istruzione, a quanto pare, non è più sufficiente. "E′ necessario - prosegue Zamagni - che il terzo settore intercetti i bisogni pubblici, diventando la connessione tra istruzione e mercato del lavoro".
Il Presidente dell′Agenzia nazionale per le onlus ha spiegato come le associazioni no profit possano e debbano assumere un ruolo di grande importanza per ottimizzare l′istruzione superiore e universitaria: "E′ più che mai importante favorire l′istruzione non formale e trovare delle forme di complementarietà per alleviare il matching (l′offerta tra la domanda e l′offerta di lavoro) attraverso le tante organizzazioni non lucrative".
Il professore è favorevole, inoltre, al disegno di legge del governo che vuole riformare gli articoli sul no profit contenuti nel libro primo del codice civile: "In Italia il terzo settore ha un potenziale sfruttato soltanto al 50%. Questa riforma governativa potrà far spiccare il volo a tutto il mondo del no profit".

Mi.Mi.

Fonte: Dire

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...