Accesso rapido

Mercoledì, 21 Febbraio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra
Emo 2017 24-09-2017, ore 09:18 scritto da Matti
Licenza media 23-08-2017, ore 11:37 scritto da Ned
educatore professionale 18-08-2017, ore 11:55 scritto da Michela
Amico Grande 07-06-2017, ore 22:20 scritto da L.P.
OSS 31-05-2017, ore 20:55 scritto da morena

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Salute - Bambini, niente Computer prima dei 9 anni



Niente computer prima di una certa età! Il mondo virtuale dovrebbe essere interdetto ai bambini fino a 9 anni, a vantaggio di un mondo tutto concreto e reale.
E′ questo, in sintesi, quanto dichiarato da Aric Sigman, membro della Royal Society of Medicine e membro associato della British Psychological Society.
Lo studioso avrebbe consigliato al Governo britannico di bandire i pc ai bimbi sotto i 9 anni d’età, criticando il "nappy curriculum", il percorso educativo scelto dai laburisti inglesi in cui già dai 40 mesi i bambini dovrebbero essere in grado di compiere le prime elementari operazioni con computer e televisione.
"I bambini - dichiara Sigman - hanno bisogno di afferrare, toccare, sfiorare, assaggiare, guardare e muovere oggetti reali, per educare le proprie infrastrutture neurologiche e di apprendimento, alla base della comprensione del mondo reale".
Infatti, iniziare troppo presto ad utilizzare televisione e pc potrebbe  comprometterebbe le abilità di lettura e di calcolo del bambino.
Secondo Sigman, per far avere un maggiore e sano contatto con il reale, per i bambini sarebbe necessario creare aree "technology free", dove il virtuale dovrebbe essere letteralmente bandito.
"Il cervello in giovane età - spiega lo studioso - ha bisogno di essere innescato attraverso esperienze in 3D, da maturare nel mondo reale".
"Siamo portati a pensare - aggiunge - che non far familiarizzare presto i bambini con le tecnologie rischi di tagliarli fuori. Ma il pericolo reale non è arrivare tardi al nastro di partenza, quanto piuttosto metterli in gara e farli perdere proprio perché partiti troppo in anticipo".

Mi.Mi.

Fonte: Vita

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...