Accesso rapido

Martedì, 14 Agosto 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Sicilia - Le centrali cooperative scrivono all′assessore regionale alla sanità



Le centrali cooperative della Sicilia scrivono una lettera all′assessore regionale alla Sanità, avente come tema l′assistenza domiciliare integrata.
Nella lettera si legge che le organizzazioni sociali della Regione hanno manifestato preoccupazione per quanto riguarda l′assenza, nelle “Linee Guida regionali per l’accesso e il governo del sistema integrato delle cure domiciliari”, delle regole e procedure per l′affidamento dei servizi e soprattuto per la mancata predisposizione di bandi di affidamento, con standard e requisiti qualitativi (esperienza, capacità e professonalità), logistici, organizzativi, funzionali, tariffari.

La preoccupazione riguarda anche il fatto che le Aziende Sanitarie Provinciali, stanno predisponendo bandi per l′affidamento dei servizi di assistenza domiciliare integrata utilizzando procedure non univoche e basandosi sullo stesso criterio di valutazione economica al ribasso, tralasciando quello sulla qualità del servizio e la garanzia alla salute del cittadino. Episodi del genere si sono verificati già a Trapani e Siracusa.
Le centrali cooperative chiedono pertanto, che vengano effettuati maggiori controlli sull′affidamento del servizio Adi nella Aziende Sanitarie Provinciali della Regione Siciliana.

Fonte: Legacoopsociali

Documenti
Lettera .pdf [204 Kb]

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...