Accesso rapido

Lunedì, 22 Ottobre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lazio - Fusione tra quattro coop, nasce Altri Colori

21.04.2011 | immagine decorativa 2 | Invia ad un amico | Stampa

La cooperazione sociale laziale si tinge di Altri Colori. E′ questo il nome della nuova realtà imprenditoriale non profit, con sede principale a Frosinone ma ben radicata anche nel territorio di Latina e di Roma, che nasce dalla fusione di quattro cooperative storiche, tutte aderenti al nostro consorzio. Una novità vera, nel panorama della cooperazione sociale dei nostri territori, dove le organizzazioni, per la maggior parte, si caratterizzano come piccole imprese. Spesso, addirittura, come micro imprese.

L′idea è venuta, meno di un anno fa, ai dirigenti delle cooperative Eureka 2000, Finisterrae, Gosc e Kariscoop. Ed è già una realtà. Venerdì scorso, infatti, l′assemblea dei soci di Finisterrae, riunita in seduta straordinaria, ha fatto il primo passo ufficiale, quello da cui non si torna più indietro. La cooperativa cambia denominazione - diventa appunto Altri Colori - e adegua lo statuto per permettere la fusione con le altre tre cooperative (tecnicamente si tratterà di un′incorporazione).


Secondo il presidente di Finisterrae, Danilo Ferrante, «sono in tanti a parlare di necessità di rinnovamento, ma pochi quelli che dimostrano realmente di volerlo praticare. La nostra cooperativa lavora ormai da dieci anni, soprattutto nel campo dei servizi per la promozione all′infanzia e all′adolescenza. I bambini, le famiglie, i lavoratori ed i committenti dimostrano di apprezzarci. Non è un caso che Finisterrae si sia affermata in buona parte della regione e che sia costantemente cresciuta. Ma il welfare, in Italia, vive il periodo più difficile della sua storia. Noi siamo abituati a governare i cambiamenti, non ad inseguirli: per questo ci siamo lanciati con entusiasmo in questo progetto, insieme alle altre tre cooperative».

«A legarci, prima di tutto, è l′appartenza al Consorzio Parsifal - dice Vincenzo Di Prospero, presidente della Cooperativa Sociale Eureka 2000 -. Poi, nel 2008 le cooperative hanno cominciato a lavorare insieme, sotto la guida di Sandra Pantanella e di Emilio Vergani, per impiantare al proprio interno strumenti di rendicontazione sociale. Poi sulla qualità dei nidi d′infanzia, con Alessia Morini, poi sui sistemi di gestione economica e societaria delle cooperative, con Mosè Montefusco. Non si dice che "da cosa nasce cosa"? Ebbene, proprio Mosè ci ha lanciato la sfida e noi l′abbiamo raccolta!»


Altri Colori si propone da subito con numeri interessanti. Un fatturato globale di quasi quattro milioni di euro, 200 lavoratori, più di venti committenti, la presenza stabile su tre province laziali. «Ma non ci vogliamo fermare qui, anzi, questo è in effetti solo il punto di partenza - affermano Valeria d′Emilio e Antonella Nieddu, rispettivamente presidente e vicepresidente della Cooperativa Sociale Gosc -. Altrimenti questa fusione non avrebbe senso». Parliamo dunque degli obiettivi. «Il primo è quello di rafforzarci. La piccola dimensione delle cooperative, quasi familiare, da un falso senso di sicurezza. E′ senz′altro più difficile lavorare in un′organizzazione con una struttura più articolata, ma permetterà di specializzarci. Potremo migliorare le nostre competenze tecniche e presentarci più preparate nel confronto con i nostri interlocutori abituali: gli utenti, i clienti, i sindacati, le banche, i partner».

«Ma c′è anche dell′altro - aggiunge Daniela Carissimo, presidente della Cooperativa Sociale Karicoop -. Con la fusione potremo massimizzare alcuni costi di gestione e affrontare con più decisione investimenti importanti per il futuro. Stiamo lavorando su alcuni progetti sociali ed imprenditoriali, da proporre anche al di fuori dai territori in cui abbiamo cominciato le nostre attività».


Nino Arena, presidente del Consorzio Parsifal, è particolarmente soddisfatto del risultato. «Abbiamo un interesse reale su questa operazione - afferma - e quindi la sosterremo con tutta l′attenzione che occorre. Per noi, infatti, è un′esperienza pilota, che non accade per caso. E′ anzi il tassello d′una strategia, più articolata, che abbiamo cominciato a delineare da anni, e che punta a rendere le cooperative consorziate più solide. Non solo sotto il profilo economico-finanziario. I veri motori delle nostre organizzazioni, infatti, sono le donne e gli uomini che le portano avanti e le relazioni che realizzano nei territori in cui operano. Sono loro a costituire il patrimonio più importante delle cooperative. Ma per accumularli e far generare da essi nuove attività di promozione, di sostegno e di cura, c′è bisogno di un continuo lavoro di squadra, che le piccole cooperative, anche se riunite in consorzio, hanno difficoltà a realizzare».

La fusione si concluderà con tutta probabilità a settembre. Altri Colori sarà, da subito, una delle cooperative più importanti all’interno del consorzio, non solo per le dimensioni ed i numeri, ma anche per la capacità di ideare, progettare, programmare, costruire. Nella nuova cooperativa confluiranno cooperative longeve - Eureka 2000 e Gosc, in particolare, lavorano da più di 25 anni -, ma sarà condotta da un gruppo dirigente giovane e con una discreta esperienza. Le premesse per fare bene, insomma, ci sono tutte.

Tag associati

Commenti

Re: Auguri!!!!
scritto da Renato - 23.04.2011
Fa tanto piacere questa fusione e fa piacere anche il messaggio di Fabio, perché conferma che la miccia è innescata. L′articolo non cita tutti quelli che stanno lavorando ogni giorno affinché il progetto si compia, ma da il senso del fatto che si tratta di una costruzione collettiva e partecipata, come dovrebbe sempre essere nella cooperazione. Non è importante solo quello che state facendo, ma soprattutto come lo state facendo. Per questo volevo dirvi grazie.
Auguri!!!!
scritto da Fabio - 21.04.2011
Tantissimi auguri ragazzi e speriamo di poterci aggregare presto anche noi, stiamo lavorando per voi........

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...