Accesso rapido

Martedì, 25 Settembre 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lazio - Presentato nuovo protocollo regionale sulle adozioni



L′ assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte, presentando presso il Tribunale per i minorenni di Roma il nuovo protocollo regionale in materia di adozioni nazionali e internazionali, afferma che il problema maggiore è rappresentato dall′eccessiva permanenza dei bambini nei centri di accoglienza. Queste nueve disposizioni mirano, dunque, ad accelerare i tempi per la realizzazione del processo di adozione. Un protocollo che, a più di dieci anni di distanza dal precedente, definisce un nuovo modello organizzativo e operativo tra la Regione e gli enti autorizzati per l’Adozione internazionale e il Tribunale per i minori, fondato sul principio dell’integrazione socio-sanitaria dei servizi. E che prevede la partecipazione ai lavori delle Associazioni familiari, forti di un’esperienza almeno quinquennale nel campo delle adozioni.
«Prima di tutto, - ha spiegato Forte - il Protocollo prevede la costituzione di un tavolo tecnico composto dai rappresentanti delle varie istituzioni con il compito di monitorare le difficoltà incontrate dai genitori adottivi e dai minori adottati. Inoltre, verrà costituita una banca dati regionale che conterrà tutte le informazioni relative all’andamento delle adozioni nazionali e internazionali sul territorio regionale, non solo nella fase della pre-adozione ma anche in quella della post-adozione, nonché quelle che riguardano i bambini adottabili».
Inoltre verrà attivita la totale informatizzazione dei 21 gruppi integrati di lavoro per le adozioni presenti nel Lazio, costituiti dagli assistenti sociali e dagli psicologi degli enti locali e delle Asl, che dovranno inoltre seguire un percorso formativo specifico.
«Tutto questo perché obiettivo primo ed ultimo del protocollo – ha concluso Forte - è quello di assicurare ad ogni bambino una famiglia. Si tratta di un diritto fondamentale, affinché tutti i bambini abbiano le medesime opportunità di diventare protagonisti del proprio futuro».

Fonte: Regione Lazio

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...