Accesso rapido

Sabato, 21 Luglio 2018

menu accessibilità

A | A | A | normale | alto contrasto | solo testo

Accesso area riservata

Iscriviti alla nostra
newsletter

menu secondario

Infosociale

Riscontrato errori durante la navigazione sul sito?
Aiutaci a eliminarli.
Clicca qui

Focus

Tivoli - 22 maggio 2016

Servizio Civile 2015 - L′elenco dei selezionati

Ultimi 10 commenti

Il tempo non può scalfire 13-06-2018, ore 10:45 scritto da Luca
Al massimo 11-06-2018, ore 09:35 scritto da linus
Mestierarte 22-03-2018, ore 14:31 scritto da Lorenzo
Oss 04-03-2018, ore 14:20 scritto da Vesna
Una sera a Piazza Venezzia. 21-02-2018, ore 11:12 scritto da Marta Rocca
truffa 10-01-2018, ore 09:30 scritto da roberto
Diploma di animazione 28-12-2017, ore 13:36 scritto da Maddalena
nessuno 20-10-2017, ore 19:02 scritto da calogero contino
Informazioni 09-10-2017, ore 09:15 scritto da Monica
EMOtional 25-09-2017, ore 14:19 scritto da Cassandra

contenuto

News

 | Torna all'elenco
Condividi anche su: vota su OKNotizie vota su Diggita fav this with Technorati

Lavoro - Vinco, progetto per le donne lavoratrici del basso Lazio



Presentato a Latina dall’assessore regionale al Lavoro e alla Formazione Mariella Zezza, il progetto VINCO, finanziato dalla Regione Lazio a sostegno delle donne lavoratrici. Il nome VINCO sta per "Voucher Innovazione Conciliazione" con cui la regione Lazio mette a disposizione oltre 3,5 milioni euro per favorire la conciliazione per le donne lavoratrici della provincia di Latina, Frosinone e del sud della Provincia di Roma. L′iniziativa si inserisce nell′ambito delle iniziative attuate per combattere le differenze di genere e favorire l’occupazione femminile nel territorio del basso Lazio.
Già lo scorso 8 marzo, in occasione della festa della donna la giunta straordinaria convocata dalla presidente Polverini ha presentato il primo rapporto Censis su donne e lavoro nel Lazio che ha mostrato parecchi dati su cui riflettere. Nel Lazio è presente infatti il record di laureate (il 26,5 per cento) e in particolare in ambito tecnico-scientifico. Inoltre,  le donne lavoratrici nella nostra regione sono solo una su due e sempre dai dati si evince che tra i motivi principali di inattività segnalati dalle donne di età tra i 15 ed i 64 anni ci sono ‘ragioni di carattere familiare’, tra cui la maternità e l’esigenza di prendersi cura dei figli o di persone anziane.

Tag associati

Scrivi il tuo commento


in questo caso l'e-mail è obbligatoria)

Gli articoli più letti della settimana

Gli articoli più letti del mese

Gli articoli più letti di sempre

Ricerca nel sito

Eventi

Parsifal

Le nostre coop

Lavoro e formazione

Opportunità nel sociale

Recensioni

libri, riviste, film, rapporti e ricerche sul sociale

  • La mia ′ndranghetaLa mia ′ndrangheta

    La sfida della «signora Malaluna» ad una delle più potenti ed efferate organizzazioni...